Le “banche devono rischiare e prestare soldi, altrimenti arrivano le mafie“. C’è un altro virus che sfrutta l’emergenza della pandemia e punta infettare il Paese: sono le associazioni criminali. Che continuano a essere forti visto che l’unico settore dell’economia non influenzato dall’emergenza è quello del traffico di cocaina. Dopo i dossier dell’Anticrimine, le allerte lanciata da magistrati autorevoli come Nino Di Matteo e Roberto Tartaglia, e quelli di ex investigatori di rango passati in politica, come Pietro Grasso, a rilanciare l’allarme è Nicola Gratteri. “Le mafie sono presenti dove c’è da gestire denaro e potere. E le elite delle mafie fanno molte operazioni non per arricchirsi, ma per avere consenso, potere“, ha detto il procuratore di Catanzaro a Circo Massimo di Radio Capital.

Il ragionamento del magistrato anti ‘ndrangheta è semplice. “Pensate in che frustrazione si trovano gli operai che, al sud ma anche al nord, lavorano in nero nell’agricoltura e nell’edilizia, guadagnando 30 euro al giorno. Questi soldi per loro sono oro, e se gli arrivano dal capomafia se ne ricorderanno quando sarà ora di votare. Così le mafie prenderanno pacchetti di voti senza problemi“. Ma non è solo sulle fasce più deboli della popolazione che hanno messo gli occhi i clan. “Pensate alla situazione in cui sono imprenditori che hanno costruito ristrutturato un ristorante, una pizzeria o un albergo pensando che dalla primavera avrebbero cominciato a guadagnare. A loro le banche non daranno soldi. E allora chi glieli darà?”. La risposta è scontata, ed è stata già denunciata da alcune associazioni. “C’è l’usura normale, e quella delle mafie, della ndrangheta. La differenza è che l’usuraio ‘ndranghetista vuole meno garanzie, perché sa che la garanzia è la vita del commerciante. Inizialmente il commerciante sarà invogliato e incentivato da interessi più bassi, sotto la soglia delle banche, poi pian piano, in uno-due anni, comincerà la lenta agonia, perché l’obiettivo del mafioso non è guadagnare sull’usura ma rilevare l’attività commerciale, e usarla per riciclare denaro”.

Secondo Gratteri, dunque, serve che “il governo parli direttamente con le banche, che devono rischiare un pò di più, e capire che devono prestare soldi anche se il rischio di insolvenza è più alto“. Sul fronte dei lavoratori in nero, per Gratteri “bisogna intervenire e dare i soldi attraverso i comuni. Ma al contempo la guardia di finanza e i carabinieri dovrebbero controllare gli elenchi di poveri e piccoli imprenditori che ricevono aiuti. È bene far fare questa cosa ai sindaci perché si risparmiano passaggi, ma se il sindaco è un mafioso o un faccendiere si fa figli e figliastri, si danno benefici ai soliti clienti elettorali e chi ha votato contro non li avrà“.

L’universo dei clan, al tempo del coronavirus, non racconta solo come Cosa nostra, ‘ndrangheta e camorra si stiano preparando a sfruttare l’emergenza per guadagnare consenso e potere economico. Anzi, a sentire Gratteri, si può dire che la pandemia ha influito su tutti settori dell’economia tranne uno: quello legato al traffico di droga. “La cocaina non ha crisi. Per capirlo basta vedere il prezzo, che è rimasto invariato”, dice il procuratore di Catanzaro. “In Colombia, Bolivia e Perù – continua – c’è difficoltà a reperire precursori chimici, che vengono dalla Cina, per lavorare la pasta di coca. La produzione quindi è rallentata, ma sono tanti i depositi di tonnellate di cocaina… pensate alla Spagna, dove ci sono colonie di colombiani che hanno stoccato anche dieci tonnellate, e all’Afghanistan, dove ci sono tonnellate di eroina pronte ad arrivare in Europa. Il problema non c’è. La riprova che non c’è crisi è il prezzo, che è rimasto invariato”.

Memoriale Coronavirus

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Virus, Roberti: “Mafie pronte, come dopo il sisma del ’80. Pacchi di pasta per fare proselitismo prima di infiltrarsi nelle aziende”

next
Articolo Successivo

Mafia, risarcimento da 670mila euro all’ex 007 Bruno Contrada per ingiusta detenzione

next