A Las Vegas gli oltre 100 alberghi sono stati chiusi per il coronavirus, per un totale di 150mila posti letto che adesso sono liberi. Eppure per gli homeless della città, ora che il rifugio della Catholic Charities è stato chiuso dopo che uno degli ospiti è risultato positivo, le autorità non hanno trovato niente di meglio che il parcheggio del Cashman Center, un complesso per convention e partite di baseball.

A suscitare l’indignazione sono state le foto, finite sui social, dove si vedono i senzatetto occupare con i loro materassini rettangoli dipinti di bianco sul cemento, come i posti per le auto, anche se sono stati pensati per mantenere la distanza sociale di circa due metri.

“Orrido! È la prova del fallimento di una società che non è in grado di fornire ai suoi cittadini le più elementari necessità umane“, ha commentato un utente di Twitter. “Il Nevada, uno degli Stati più ricchi del mondo, ha dipinto rettangoli per il social-distancing sul cemento di un parcheggio per far dormire gli homeless!”, sottolinea incredulo un altro.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te

In questi tempi difficili e straordinari, è fondamentale garantire un'informazione di qualità. Per noi de ilfattoquotidiano.it gli unici padroni sono i lettori. A differenza di altri, vogliamo offrire un giornalismo aperto a tutti, senza paywall. Il tuo contributo è fondamentale per permetterci di farlo. Diventa anche tu Sostenitore

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Coronavirus, l’iniziativa di Francia e Spagna: le vittime di violenza domestica potranno passare la quarantena in albergo

next
Articolo Successivo

Coronavirus. Luca, il 19enne morto a Londra per una crisi respiratoria, era positivo: è la vittima italiana più giovane

next