Ciò che i medici avevano ipotizzato dopo averlo soccorso per la grave crisi respiratoria che lo ha ucciso è stato confermato dalle analisi: Luca Di Nicola, il ragazzo di 19 anni di Nereto morto nei giorni scorsi a Londra poco dopo essere stato trasportato in ospedale, è deceduto a causa di complicazioni legate al contagio da coronavirus. Con questa conferma, Di Nicola diventa così l’italiano più giovane a morire dopo aver contratto il Covid-19. E Di Maio chiede di fare luce sull’accaduto.

A dare la notizia della morte era stato per primo il sindaco del paese di origine, in provincia di Teramo, Maria Angela Lelii: “Da quanto ho appreso, il ragazzo era a casa da alcuni giorni, curato dal suo medico per una semplice influenza – aveva raccontato -, fin quando martedì la situazione è precipitata. Pare sia svenuto, la madre ha chiamato l’ambulanza, all’arrivo dei paramedici è stato intubato perché aveva i polmoni collassati. È stato portato in rianimazione, ma purtroppo è morto”.

Il giovane si era trasferito nella capitale inglese già da qualche anno per raggiungere la madre e lavorava come aiuto cuoco in un ristorante.

Adesso il ministro degli Esteri, Luigi Di Maio, chiede all’ambasciata d’Italia a Londra di essere costantemente aggiornato sulla salute della madre del ragazzo, al momento in auto-isolamento, e di accertare con chiarezza le cause che hanno portato al decesso del giovane.

Memoriale Coronavirus

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Coronavirus, a Las Vegas chiude il rifugio per senzatetto: in decine sistemati come auto in un parcheggio

next