Dal luglio 2017 a marzo 2019. Abdelhak Nouri stava disputando un ‘amichevole tra il suo Ajax e il Werder Brema quando fu colpito da un ictus (vedi foto). Pochi giorni dopo il comunicato del club dei Lancieri: “Seri e permanenti danni cerebrali. All’epoca era un 20enne considerato tra i giovani centrocampisti più promettenti del panorama europeo. A distanza di due anni, nove mesi e 17 giorni, ora Nouri, origini marocchine, ha riaperto gli occhi: da qualche giorno ha lasciato l’ospedale ed è tornato a casa.

“Ci prendiamo cura di lui – ha dichiarato suo fratello Abderrahim, che ha dato la notizia, ospite della trasmissione olandese De Wereld Draait Door – devo dire che da quando è tornato a casa sta molto meglio”. Le condizioni restano serie: “Ha capito dov’è, mangia, ma non può alzarsi dal letto. Dipende da noi, ma nei giorni buoni riusciamo a parlare con lui. A volte si commuove e spesso sorride. E in quelle occasioni apprezzi davvero l’importanza di un sorriso”, ha raccontato il fratello.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te

In questi tempi difficili e straordinari, è fondamentale garantire un'informazione di qualità. Per noi de ilfattoquotidiano.it gli unici padroni sono i lettori. A differenza di altri, vogliamo offrire un giornalismo aperto a tutti, senza paywall. Il tuo contributo è fondamentale per permetterci di farlo. Diventa anche tu Sostenitore

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Coronavirus, la Lega Serie A è a un bivio: pensare al fatturato o credere ancora in questo sport

next
Articolo Successivo

Coronavirus. Addio a Oscar Ghidini, fisioterapista di Max Biaggi e Paltrinieri. Aveva partecipato tre volte alle Olimpiadi

next