Dal luglio 2017 a marzo 2019. Abdelhak Nouri stava disputando un ‘amichevole tra il suo Ajax e il Werder Brema quando fu colpito da un ictus (vedi foto). Pochi giorni dopo il comunicato del club dei Lancieri: “Seri e permanenti danni cerebrali. All’epoca era un 20enne considerato tra i giovani centrocampisti più promettenti del panorama europeo. A distanza di due anni, nove mesi e 17 giorni, ora Nouri, origini marocchine, ha riaperto gli occhi: da qualche giorno ha lasciato l’ospedale ed è tornato a casa.

“Ci prendiamo cura di lui – ha dichiarato suo fratello Abderrahim, che ha dato la notizia, ospite della trasmissione olandese De Wereld Draait Door – devo dire che da quando è tornato a casa sta molto meglio”. Le condizioni restano serie: “Ha capito dov’è, mangia, ma non può alzarsi dal letto. Dipende da noi, ma nei giorni buoni riusciamo a parlare con lui. A volte si commuove e spesso sorride. E in quelle occasioni apprezzi davvero l’importanza di un sorriso”, ha raccontato il fratello.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Coronavirus, la Lega Serie A è a un bivio: pensare al fatturato o credere ancora in questo sport

next
Articolo Successivo

Coronavirus. Addio a Oscar Ghidini, fisioterapista di Max Biaggi e Paltrinieri. Aveva partecipato tre volte alle Olimpiadi

next