Mezzo milione di mascherine, 4 tonnellate di materiale medico, 1800 tute protettive e 150mila guanti: questi sono i numeri degli aiuti inviati dalla Cina al nostro Paese, in arrivo nei prossimi giorni grazie a diversi enti benefici. Un team di esperti della Croce Rossa cinese era già arrivato a Roma – con altre tonnellate di aiuti – per affiancare gli specialisti italiani nella lotta al Covid-19, mettendo in comune esperienza e conoscenze accumulate in questi mesi.

Tute e guanti in Sardegna – Il gruppo “Blue River”, che dal 2016 opera in Sardegna nel ramo lattiero-caseario con la società Alimenta, ha attivato un ponte di solidarietà tra la Cina e l’isola del mediterraneo, dove arriveranno quattro tonnellate di materiale medicale, 1.800 indumenti di protezione medica, 40mila mascherine, 250mila guanti. L’iniziativa è stata realizzata con il sostegno delle istituzioni della provincia cinese di Hunan e del distretto di Wangcheng. Questa mattina la vicepresidente della Regione e assessore del Lavoro, Alessandra Zedda, e il collega della Sanità, Mario Nieddu, portando i saluti del presidente Christian Solinas, hanno ringraziato in videoconferenza il presidente del consiglio del Gruppo Blue River, Chen Yuanrong, e gli esponenti delle istituzioni cinesi.

Mezzo milione di mascherine da Alibaba – La fondazione di beneficienza legata ad Alibaba, insieme alla Fondazione Jack Ma, ha inviato in Europa mezzo milione di mascherine: un aereo cargo è atterrato a Liegi, in Belgio, ieri, e la destinazione finale è l’Italia. Joey Tan, responsabile comunicazione dell’ufficio Globalizzazione del gruppo, ha dichiarato che il mezzo milione di mascherine sarà controllato e consegnato da camion in Italia, dove la Croce Rossa locale le riceverà e le gestirà. Sui pacchi manifesti con il testo di “Nessun dorma”, l’aria dell’opera Turandot di Puccini: “Dilegua, oh notte, all’alba vincerò!”. Un messaggio di speranza, oltre che un legame culturale tra i due Paesi (la protagonista dell’opera è un’antica principessa cinese).
I due enti di beneficenza hanno donato in totale 2 milioni di maschere e altre forniture essenziali, come i kit per i test, destinati all’Italia e ad altri Paesi duramente colpiti come la Spagna e il Belgio e nei prossimi giorni sono previste altre tre spedizioni.

Medici cinesi: “Gli ospedali italiani stanno facendo un ottimo lavoro” – Il team di medici e ricercatori della Croce rossa cinese si è recato in visita allo Spallanzani di Roma per un momento di confronto sui percorsi di diagnosi e cura della malattia: “Gli ospedali italiani stanno facendo un ottimo lavoro”., hanno detto. Poi, parlando delle misure da adottare, hanno aggiunto: “L’importante è inquadrare presto i casi positivi, curarli presto e attuare nel modo più veloce possibile le misure di quarantena per fermare i contagi. Queste sono le misure adottate anche dalla Cina e riscontriamo che anche l’Italia le sta adottando. Sono misure internazionali, condivise da tutti i paesi in caso di emergenze come questa”.

Sostieni ilfattoquotidiano.it ABBIAMO BISOGNO
DEL TUO AIUTO.

Per noi gli unici padroni sono i lettori.
Ma chi ci segue deve contribuire, se vuole continuare ad avere un'informazione di qualità. Diventa anche tu Sostenitore. CLICCA QUI
Grazie Peter Gomez

Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Coronavirus, il mondo sommerso e ignorato delle badanti tra voglia di scappare e resistenza: “Abbiamo affrontato ben altro”

next
Articolo Successivo

Coronavirus, la diretta – Superati i 24mila contagiati: oggi 368 morti. Terapia intensiva in Lombardia, Fontana: “Nostro obiettivo è ospedale alla Fiera di Milano”. Slitta a lunedì il Cdm per le misure economiche

next