Il telegiornale in diretta dalla strada per sanificare redazione e studi televisivi. È accaduto ai giornalisti del Tgr Puglia della Rai che hanno trasmesso l’edizione del telegiornale pugliese delle 14 in diretta dalla piazza di fronte alla Prefettura di Bari dopo la notizia che uno dei loro colleghi è risultato positivo al coronavirus.

“Per questo motivo – si legge nella nota ufficiale – a causa della quarantena di tutti i tecnici della sede di Bari la rubrica ‘Buongiorno Regione’ questa mattina alle 7.30 non è andata in onda. Fra le persone messe in quarantena c’è anche il caporedattore Giancarlo Fiume che da ieri sera si sta adoperando attivamente per garantire la messa in onda dei telegiornali”.

Contattato da ilfattoquotidiano.it, Fiume ha raccontato le difficoltà di questa situazione: “Non è stato facile organizzare un tg a distanza pur utilizzando tutto telefoni, mail e Whatsapp. Da stamattina con la direzione della Tgr che si è interfacciata con il coordinamento e l’intera azienda abbiamo deciso di portare a Bari un mezzo satellitare e a tempo di record abbiamo attivato la procedura riuscendo a offrire le nostre informazioni ai pugliesi”.

La difficoltà maggiore, spiega Fiume, “è che tutti i nostri tecnici sono in quarantena: anche la migliore squadra di giornalisti, senza i tecnici in tv serve a poco”. Da Campobasso è stato fatto un collega e un mezzo riuscendo così a garantire la messa in onda del segnale: “È stato un successo della sinergia tra più settori e l’azienda mi è stata vicina: tutti dal presidente Foa, al direttore generale Matassino, dall’amministratore delegato Salini, al dirigente Lanza fino allaa direzione e coordinamento delle sedi regionali ed estere con Zucca e Meloni e il direttore della Tgr Casarin”, dice ancora Fiume.

“Tutti mi hanno incoraggiato e hanno lavorato con me anche la notte per non bucare questo appuntamento. Adesso – ha concluso il caporedattore – stiamo cercando di avere rinforzi tecnici da altre sedi”. L’organico è di circa 30 unità tra giornalisti e tecnici, ma dopo la notizia e le disposizioni delle autorità sanitarie, la forza lavoro si è ridotta a poco meno di dieci giornalisti. La sede regionale della Rai pugliese è stata sanificata nelle scorse ore e adesso si attende l’ok per il rientro alla normalità.

E così, almeno per una volta ai pugliesi, è apparsa uno sfondo inedito: quello di Piazza Prefettura a Bari. Il compito di condurre questo telegiornale è toccato a Maria Grazia Lombardo, in forza alla Rai da una decina di anni: “Oggi – ha spiegato a Ilfattoquotidiano.it – ho capito l’importanza delle esperienze accumulate in questi dieci anni: tante dirette, dentro e fuori dallo studio, hanno fatto dato fortunatamente i frutti. Da tempo ci facciamo le ossa con ‘Buongiorno Regione” dove prepariamo le cose con largo anticipo, ma lavoriamo la diretta e questo ci offre l’occasione anche di improvvisare che è fondamentale in lacune situazioni”.

Quello del TgR Puglia non è il primo caso che riguarda l’informazione italiana. La prima a essere colpita è stata la redazione di Sky Tg24, poi è toccato al quotidiano torinese La Stampa in cui un poligrafico è risultato positivo al tampone. Anche questo caso, la sede è stata temporaneamente chiusa, ma il giornale è stato “cucinato” con l’attività di smartworking della redazione.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te

In questi tempi difficili e straordinari, è fondamentale garantire un'informazione di qualità. Per noi de ilfattoquotidiano.it gli unici padroni sono i lettori. A differenza di altri, vogliamo offrire un giornalismo aperto a tutti, senza paywall. Il tuo contributo è fondamentale per permetterci di farlo. Diventa anche tu Sostenitore

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili