La musica non si ferma. È un momento molto difficile per tutta l’industria discografica musicale: sono saltate le conferenze stampa, zero promozione in radio e tv, alcune uscite discografiche sono slittate ad aprile, altri ancora sono fermi perché gli studi di registrazione sono fuori uso per precauzione. L’unico modo per gli artisti per rimanere in contatto con i propri fan è proprio lo streaming e i social. Da un parte sulle piattaforme digitali la musica non si è mai fermata, continueranno infatti ad uscire singoli e nuovi album nonostante tutto, in attesa che gli store riprendano a pieno regime appena la situazione generale, bloccata per il Coronavirus, si sarà rasserenata. È il caso, ad esempio, degli album dei cantanti di “Amici di Maria De Filippi”. I dischi di Jacopo (“Colori”), Gaia (“Genesi”), Giulia e Nyv (“Low Profile) usciranno in digitale il 20 marzo ed era stata annunciata la disponibilità negli store il 27 marzo. Poi il dietrofront. “Come segno di rispetto alle nuove direttive indette dal Governo riguardanti il nostro Paese in emergenza sanitaria per il dilagarsi del Coronavirus – si legge nella nota diramata dalla produzione di ‘Amici’ – e per la tutela della salute delle persone, non vogliamo si esca da casa per comprare gli album finché non si avranno notizie ufficiali più confortanti. Vi aggiorneremo al più presto sulle tempistiche di uscita dei loro progetti discografici”.

Quindi lo streaming e le piattaforme digitali rimangono ad oggi l’unico modo per incentivare all’ascolto già da ora e subito, senza aspettare che il disco fisico arrivi nei negozi, già fortemente provati sia dalle chiusure nel weekend, imposte dal decreto del Governo, che dagli incassi disastrosi. E gli altri?

Quasi tutti gli artisti italiani, costretti a casa, hanno deciso di condividere, per qualche ora al giorno, attimi della loro quotidianità per intrattenere in diretta Facebook o Instagram i propri fan. Federico Zampaglione per primo ha dato il via l’8 marzo a un mini live acustico, dedicato a chi è rimasto a casa per evitare il contagio. Iniziativa che ha ispirato anche molti artisti successivamente, sull’onda anche dell’appello lanciato dal sito specializzato in musica Rockol affinché – date le contingenze – la musica live non si spenga. L’appello è stato rivolto alle maggiori agenzie live da Live Nation a Friends And Partners, passando per Vivo Concerti per sensibilizzare i propri artisti non solo ad esibirsi live, ma anche ad invitare i fan alla raccolta fondi per alcuni degli ospedali italiani in difficoltà con i reparti di rianimazione con un numero comune e progetto unitario.

Per ora Friends And Partners ha risposto all’appello, ufficializzando sui propri canali social il calendario di “A casa con voi” con gli artisti della propria scuderia, che si cimenteranno con esibizioni e chiacchiere in diretta Instagram: martedì 10 marzo hanno iniziato Paola Turci e Alberto Urso, poi il giorno seguente Piero Pelù, i Modà e Nek, giovedì 12 marzo sarà la volta di Gianna Nannini (ore 16), Gigi D’Alessio (ore 18), venerdì 13 marzo sono previsti Enrico Nigiotti (ore 18) e Marco Masini (ore 21). Si aggiungeranno nelle prossime ore anche altri nomi. Ognuno di loro dichiarerà a quale raccolta fondi aderire.

Francesco Gabbani, martedì pomeriggio, si è collegato per un’ora da casa sua per cantare alcuni dei suoi successi in acustico, intrattenere con alcuni aneddoti e curiosità divertenti e ha sensibilizzato anche i propri fan affinché donassero a favore della campagna, lanciata da Fedez e Chiara Ferragni, per aiutare il reparto di animazione dell’Ospedale San Raffaele di Milano.

Anche Diodato, Cosmo, Levante (che ha ricantato la sua canzone ‘Andrà tutto bene’, di buon auspicio per questo periodo) e Giorgia (alle prese con i compiti del figlio Samuel) hanno acceso Instagram per dialogare con i fan e invitarli a restare a casa. Arisa ha risposto ad alcune domande salvo poi sbottare ironicamente: “Ragazzi c’è il Coronavirus in giro e voi mi chiedete delle mie labbra ma uno può essere come vuole?”, Samuel dei Subsonica si è lanciato con un dj set direttamente dal suo salotto, Chiara Galiazzo ogni giorno alle 18:30 canterà una canzone del suo repertorio e cover, Tommaso Paradiso e Calcutta si sono messi a scrivere una canzone in diretta, Ghali si è trasformato in critico tv, “scanalando” da un canale all’altro, collegandosi anche in doppia chat con i fan, Paola Turci – prima del Live – ha letto alcuni passi del libro di Burioni ‘Virus, la grande sfida’, Emma dalla sua cucina ha preparato “una torta che non esiste” di banane. Infine Jovanotti ha lanciato “Jova House Party” e per tre ore ha intrattenuto i suoi fan tra musica e aneddoti, con in collegamento Fabio Rovazzi con cui Lorenzo non si era mai incontrato, la figlia Teresa che ha brevemente commentato la situazione a New York, dove si trova per studiare e Marco Montemagno, che ha raccontato la situazione nel Regno Unito. Il giorno seguente Jovanotti si è collegato su Instagram per oltre quattro ore e si è collegato anche con Fiorello che ha proposto: “Quando finirà tutto questo vorrei che tutti noi italiani per incentivare il turismo e l’economia facessimo le vacanze nel nostro Paese!”. E non è finita qui, almeno fino al 3 aprile saranno tantissime le iniziative che gli artisti ufficializzeranno per non lasciare sole le persone costrette a casa.

Memoriale Coronavirus

Il Fatto di Domani - Ogni sera il punto della giornata con le notizie più importanti pubblicate sul Fatto.

ISCRIVITI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Michele Bravi, Ghemon, Ricchi e poveri spostano l’uscita degli album. Enzo Mazza (FIMI): “Decisioni giuste, lo Stato abbassi l’Iva dei dischi dal 22 al 4%”

next
Articolo Successivo

Anna, ecco chi è la rapper di sedici anni che con “Bando” scala le classifiche, ama Nicki Minaj e canta gli scooter

next