Il Texas fa la differenza, nel Super Martedì delle primarie democratiche: uno degli Stati più ‘rossi’, cioè repubblicani, d’America decreta il successo di Joe Biden su Bernie Sanders, nel giorno che assegna circa un terzo dei delegati alla convention di Milwaukee a luglio. Biden vince in dieci Stati, Sanders solo in quattro, ma fa bottino in California, che è il più popoloso e il più ricco di delegati. Senza il colpaccio del Texas, dove non partiva favorito, l’ex vice-presidente dovrebbe sempre arrancare dietro il senatore nella conta dei delegati.

Nel Super-Martedì, la coalizione dei moderati, creatasi intorno a Biden contro Sanders, funziona. Non decolla, invece, la campagna di Mike Bloomberg; e va a fondo quella di Elizabeth Warren, battuta da Biden negli Stati dove è senatrice, il Massachusetts, e dov’è nata, l’Oklahoma. Trump manda tweet di condoglianze ironici sia al miliardario sia all’egeria di Occupy Wall Street.

La corsa alla nomination, di qui in avanti, sarà a due: Biden contro Sanders, centro contro sinistra. Sanders non va in fuga solitaria, come forse sperava, ma il successo in California lo può ancora tenere in testa in testa nella conta dei delegati. Un calcolo ancora parziale aggiornato dal New York Times alle 04.00 della Costa Est, le 10.00 del mattino in Italia, senza considerare la California, ne dà 267 a Biden – totale, con quelli già conquistati, 320 – e 193 a Sanders – totale 253 -. Agli altri, briciole: 16 alla Warren – totale 24 -; 11 a Bloomberg e uno a Tulsi Gabbard, che non ne avevano.

Biden, che trae vantaggio dai ritiri e dagli endorsement di Pete Buttigieg e Amy Klobuchar, prevale a sorpresa, oltre che in Texas, in Virginia, dov’era favorito Sanders, e conquista Maine, Massachusetts, North Carolina, Tennessee, Alabama, Oklahoma, Arkansas e Minnesota. Sanders prevale nel Vermont – il suo Stato -, in Colorado e nello Utah, prima d’imporsi – com’era previsto – in California.

Sul piano demografico, etnico, geografico, Biden è campione fra gli ‘over 50’ e i neri e nel Sud; Sanders fra i giovani e – novità rispetto al 2016 – gli ispanici, oltre che sulle Montagne Rocciose.

Sanders ha un avvio in salita: la sconfitta in Virginia innesca un po’ di delusione. Ma le notizie dalla California, che da sola vale 415 delegati, più del 10% del totale, gli restituiscono fiducia. Il Super Martedì fa però scattare un segnale d’allarme per il senatore, che perde in tutti gli Stati passati dai caucuses alle primarie, Maine, Minnesota, Colorado, dove nel 2016 aveva vinto; e ve ne sono molti altri, di qui in avanti, che hanno fatto la stessa scelta.

Biden, partito malissimo in queste primarie con un filotto di sconfitte, Iowa, New Hampshire, Nevada, vive un Super Martedì positivo: dopo la conquista della South Carolina e gli endorsement di Buttigieg e della Klobuchar, la sua campagna ha ritrovato l’ottimismo e dissipato lo scetticismo che la circondava. “E’ una grande notte”, esulta l’ex vice-presidente a Los Angeles: “Ci avevano dati per morti, ma siamo qui, siamo vivi, abbiamo fatto qualcosa di straordinario”.

Sanders, da Burlington, la città di cui è stato sindaco, nel Vermont, conferma fiducia: “Vinceremo la nomination e sconfiggeremo Donald Trump, il presidente più pericoloso della nostra”. Il senatore conserva l’arguzia – è andato al seggio di buon’ora con la moglie perché “volevo essere sicuro d’avere almeno due voti” -, ma anche lo spirito polemico: critica l’establishment democratico, regista del ritiro simultaneo del duo Buttigieg/Klobuchar e dell’immediato endorsement a Biden.

Grande la delusione per Bloomberg, che vince solo nelle Isole Samoa e non sfonda in Stati su cui aveva puntato, come la Virginia e l’Arkansas. Il miliardario valuterà nelle prossime ore il da farsi, discutendo con il suo staff se e come procedere.

Donald Trump, che inanella vittorie nelle sue primarie senza contendenti, gira il coltello nella piaga: “Il vero perdente della serata è di gran lunga mini Mike Bloomberg. 700 milioni di dollari buttati via per niente: le uniche cose che ha ottenuto sono il soprannome mini Mike e la totale distruzione della sua reputazione”. Il presidente ha anche parole ironiche per la Warren: “Elizabeth ‘Pocahontas’ è l’altra perdente della serata: non è arrivata nemmeno vicino a una vittoria nel suo Stato… Beh, ora può sedersi insieme al marito e bersi una birra fresca”.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Afghanistan, Taliban uccidono 20 tra militari e poliziotti di Kabul. Reazione Usa, raid in Helmand: “Azione di difesa, pace a rischio”

next
Articolo Successivo

Coronavirus, Germania vieta export mascherine: “È pandemia globale”. Per Parlamento Ue Savona e Pesaro-Urbino sono “aree a rischio”. Los Angeles dichiara stato di emergenza

next