“Abbiamo chiesto che gli sgravi contributivi e fiscali vadano alle imprese con l’impegno di non fare licenziamenti“. A spiegare la richiesta è il segretario della Cgil, Maurizio Landini, al termine dell’incontro tra il governo e le parti sociali per parlare dell’emergenza coronavirus. “Abbiamo posto sia le problematiche legate all’emergenza coronavirus che rispetto al futuro: in primo luogo per fronteggiare l’emergenza le assunzioni nella sanità pubblica e scelte che ne rafforzino il ruolo. Per quanto attiene gli ammortizzatori sociali abbiamo chiesto l’ampliamento della cassa integrazione ordinaria e straordinaria affinché tutti i lavoratori siano ‘coperti'”. Su questo fronte, ha spiegato Landini, “il governo si è impegnato ad approfondimenti tecnici”.
Memoriale Coronavirus

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Coronavirus, a Sono le Venti sul Nove l’intervista al parlamentare Guidesi bloccato a Codogno: “Il sacrificio della comunità va compensato”

next
Articolo Successivo

Coronavirus, la sanità italiana definanzata da dieci anni. Tagliati 43mila dipendenti e i posti letto sotto la media Ue. Ecco tutte le criticità

next