“Abbiamo chiesto che gli sgravi contributivi e fiscali vadano alle imprese con l’impegno di non fare licenziamenti“. A spiegare la richiesta è il segretario della Cgil, Maurizio Landini, al termine dell’incontro tra il governo e le parti sociali per parlare dell’emergenza coronavirus. “Abbiamo posto sia le problematiche legate all’emergenza coronavirus che rispetto al futuro: in primo luogo per fronteggiare l’emergenza le assunzioni nella sanità pubblica e scelte che ne rafforzino il ruolo. Per quanto attiene gli ammortizzatori sociali abbiamo chiesto l’ampliamento della cassa integrazione ordinaria e straordinaria affinché tutti i lavoratori siano ‘coperti'”. Su questo fronte, ha spiegato Landini, “il governo si è impegnato ad approfondimenti tecnici”.

Sostieni ilfattoquotidiano.it ABBIAMO DAVVERO BISOGNO
DEL TUO AIUTO.

Per noi gli unici padroni sono i lettori.
Ma chi ci segue deve contribuire perché noi, come tutti, non lavoriamo gratis. Diventa anche tu Sostenitore. CLICCA QUI
Grazie Peter Gomez

Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Coronavirus, a Sono le Venti sul Nove l’intervista al parlamentare Guidesi bloccato a Codogno: “Il sacrificio della comunità va compensato”

next
Articolo Successivo

Coronavirus, la sanità italiana definanzata da dieci anni. Tagliati 43mila dipendenti e i posti letto sotto la media Ue. Ecco tutte le criticità

next