Un trionfo, sì. Si è conclusa con un risultato che migliore era difficile da prevedere la 70ma Berlinale, la prima diretta dall’italiano Carlo Chatrian che esce da questa esperienza da vero vincitore almeno quanto i suoi acclamati compatrioti: Elio Germano, premiato con l’Orso d’argento da miglior attore per la sua straordinaria perfomance in Volevo nascondermi di Giorgio Diritti, e i fratelli Damiano & Fabio D’Innocenzo vincitori dell’Orso d’argento per la sceneggiatura di Favolacce, il loro nerissimo e disturbante dramma.

Lo dedico ad Antonio Ligabue che vive qui con noi, dentro di me. E dedico il premio a tutti gli storti, gli sbagliati del nostro tempo” ha detto l’interprete romano che si conferma tra i più apprezzati nostri attori all’estero, ricordandolo vincitore anche a Cannes. Se Volevo nascondermi uscirà prossimamente dopo il rinvio dovuto a precauzioni epidemiche, Favolacce è invece previsto per il 16 aprile con Vision Distribution; la prodigiosa opera seconda dei gemelli D’Innocenzo li ha portati sul palco della Berlinale con visibili emozioni, grati a tutti “soprattutto i bambini del nostro cast”, e con un tenerissimo gesto d’affetto fraterno: “Ti amo fratello mio” ha detto uno, mentre “l’altro” ha reagito con un commosso “Mortacci tua!”

All’unanimità e con un Jeremy Irons presidente di giuria che lo ha acclamato a gran voce da immenso attore qual è (“è un film sulla responsabilità della coscienza di ciascuno di noi, ovunque”), l’Orso d’oro è andato in Iran, nelle mai dell’assente – perché prigioniero dissidente in patria – Mohammad Rasoulof per il suo toccante Sheytan vojud nadarad (There Is No Evil). A riceverlo i suoi cast & crew in lacrime, che glielo hanno dedicato, sottolineando il rischio di imprigionamento di tutti coloro che hanno partecipato a questo film. Opera politica importante, ma ad alto tasso di umanità, inevitabilmente personale ma anche – va detto – molto bella, mette in evidenza attraverso quattro episodi la contraddizione tra le leggi di un regime e la coscienza del singolo cittadino, in particolare in riferimento alla pena di morte per i dissidenti politici.

Una vera ovazione è stata tributata alla cineasta americana Eliza Hittman vincitrice col suo sensibile dramma sull’aborto nell’America contemporanea Never Rarely Sometimes Always, e applausi al maestro sudcoreano Hong Sangsoo vincitore del premio per la regia per il suo The Woman Who Ran. L’orso d’argento alla miglior attrice è andato, infine, all’intensa Paula Beer protagonista dell’ottimo Undinedel tedesco Christian Petzold

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Cahiers du Cinema, dimissioni di massa dopo il cambio di proprietà. Che avrebbe chiesto di essere più accomodante con il cinema francese

next
Articolo Successivo

Berlinale, Elio Germano: “La tentazione di compiacere gli altri non ci rende liberi”. E i gemelli D’Innocenzo: “Essere se stessi, a ogni costo”

next