Parte il bonus facciate, la super detrazione fiscale per la ristrutturazione delle parti esterne degli edifici. Il ministro dell’economia, Roberto Gualtieri, ha detto che il provvedimento “avrà un grande impatto sul Paese” e garantirà “città più belle, efficienza energetica, più lavoro nell’edilizia”, affermando che “il rilancio dell’economia passa anche da misure come questa”. Venerdì l’Agenzia delle Entrate ha pubblicato la circolare con i chiarimenti sugli adempimenti da seguire, permettendo un ampio utilizzo della misura introdotta con l’ultima legge di bilancio.

La detrazione sarà pari al 90% e sarà divisa in dieci rate annuali di parti importo. Il bonus è esteso anche ai lavori eseguiti “sui balconi o su ornamenti e fregi“, ma non a quelli sui cortili interni. I soggetti che possono beneficiarne sono i proprietari dell’immobile, i titolari di un diritto reale di godimento (nudi proprietari, usufruttuari, titolari del diritto di uso, abitazione e superficie) e gli affittuari. In quest’ultimo caso può accedere al bonus anche chi detiene l’immobile con un contratto di locazione finanziaria o con un comodato regolarmente registrato. Servirà però il consenso scritto da parte del proprietario.

L’agevolazione riguarda gli interventi sulle parti esterne degli edifici, fra cui i lavori per il rinnovo e il consolidamento della facciata esterna. Ma sono inclusi anche interventi minori, come tinteggiatura, pulitura, riparazione di grondaie e cornicioni. Beneficiano della detrazione anche le spese per perizie, sopralluoghi, progettazione dei lavori o installazione dei ponteggi. Infine rientrano nel bonus facciate anche gli interventi di efficientamento energetico, quando superano il 10% della superficie “disperdente lorda”.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Dazi, Usa aumenta quelli sull’importazione dei mezzi Airbus dal 10 al 15%. Bloccati quelli al 25% di ottobre: nessun contraccolpo per Italia

next
Articolo Successivo

Brexit, i negoziati sul commercio sono solo all’inizio. Ecco le strade possibili: dall’accordo per togliere i dazi allo scenario senza intesa

next