Pelé, uno dei più grandi giocatori della storia del calcio, sta attraversando un momento molto difficile. È depresso e non esce mai di casa, ha rivelato il figlio Edinho, ex calciatore del Santos. Il campione ha problemi di mobilità a causa di un intervento all’anca, e questo gli sta provocando vari problemi anche a livello psicologico.

Il figlio di Pelè ha raccontato ai microfoni di GloboEsporte.com che queste difficoltà “gli stanno provocando una certa depressione. Lui è sempre stato una figura imponente e il fatto di non poter camminare bene lo mette in imbarazzo. Non vuole farsi vedere in giro e praticamente non abbandona mai casa”. O Rei, come è stato soprannominato, compirà ottanta anni il 23 ottobre e nelle ultime uscite pubbliche si muoveva su una sedia a rotelle. Da vari anni le sue condizioni di salute sono precarie, anche se meno critiche di qualche tempo fa. Edinho ha raccontato anche che Pelè “può camminare solo con il girello, ma è migliorato rispetto all’ultima volta che lo avete visto. Ha ancora molte difficoltà a camminare e alcuni problemi dovuti all’età, ma per il resto va bene così”.

Il calciatore brasiliano nel 1999 è stato insignito del premio di “Calciatore del secolo” dalla Fifa ed è l’unico ad aver vinto tre Mondiali: Svezia ‘58, Cile ‘62 e Messico ‘70. Nella sua carriera ha realizzato in totale 1281 reti in 1363 incontri, mentre nelle 821 partite ufficiali che ha disputato ha fatto 761 gol.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: se credi nelle nostre battaglie, combatti con noi!

Sostenere ilfattoquotidiano.it vuol dire due cose: permetterci di continuare a pubblicare un giornale online ricco di notizie e approfondimenti, gratuito per tutti. Ma anche essere parte attiva di una comunità e fare la propria parte per portare avanti insieme le battaglie in cui crediamo con idee, testimonianze e partecipazione. Il tuo contributo è fondamentale. Sostieni ora

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Miura in campo a 52 anni? Un ragazzino rispetto a Ezzeldin Bahader: tesserato in Egitto a 75 anni

next