La procura di Roma ha aperto un’indagine sulle minacce ricevute dalla redazione di Repubblica. Da varie settimane anche il fondatore Eugenio Scalfari e il direttore Carlo Verdelli ricevono intimidazioni. Alla redazione è stata spedita una serie di buste sospette, provenienti in alcuni casi da indirizzi esteri. Il 15 gennaio nella sede di Roma era scattato, dopo una telefonata anonima, un allarme bomba rivelatosi poi falso. Il fascicolo, in cui si ipotizza il reato di minacce e procurato allarme, è coordinato dal sostituto procuratore Sergio Colaiocco e le indagini sono state affidate alla Digos.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

La Repubblica tradita

di Giovanni Valentini 12€ Acquista
Articolo Precedente

Rcs, Cairo chiede cig e prepensionamenti per i giornalisti. Il sindacato: “Gruppo in utile ma per fare cassa chiede i soldi allo Stato”

next
Articolo Successivo

C’erano Gruber, Carofiglio e Cerasa. Ed erano tutti lì a incalzare il grillino Buffagni

next