La procura di Roma ha aperto un’indagine sulle minacce ricevute dalla redazione di Repubblica. Da varie settimane anche il fondatore Eugenio Scalfari e il direttore Carlo Verdelli ricevono intimidazioni. Alla redazione è stata spedita una serie di buste sospette, provenienti in alcuni casi da indirizzi esteri. Il 15 gennaio nella sede di Roma era scattato, dopo una telefonata anonima, un allarme bomba rivelatosi poi falso. Il fascicolo, in cui si ipotizza il reato di minacce e procurato allarme, è coordinato dal sostituto procuratore Sergio Colaiocco e le indagini sono state affidate alla Digos.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: il tuo contributo è fondamentale

Il tuo sostegno ci aiuta a garantire la nostra indipendenza e ci permette di continuare a produrre un giornalismo online di qualità e aperto a tutti, senza paywall. Il tuo contributo è fondamentale per il nostro futuro.
Diventa anche tu Sostenitore

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili

La Repubblica tradita

di Giovanni Valentini 12€ Acquista
Articolo Precedente

Rcs, Cairo chiede cig e prepensionamenti per i giornalisti. Il sindacato: “Gruppo in utile ma per fare cassa chiede i soldi allo Stato”

next
Articolo Successivo

C’erano Gruber, Carofiglio e Cerasa. Ed erano tutti lì a incalzare il grillino Buffagni

next