Vietare il fumo all’aperto, dapprima alle fermate dei mezzi pubblici e in prospettiva in tutta la città. È questa l’intenzione recentemente dichiarata dal sindaco di Milano Giuseppe Sala. I commenti raccolti in strada sono variegati, ma prevalentemente scettici. “Sono d’accordo, perché anche il fumo di sigarette inquina e prima di tutto dà fastidio agli altri”, dichiara chi è favorevole. “Suvvia, non è questo il primo problema dell’ambiente a Milano e vietare il fumo all’aperto è impraticabile“, replica chi dissente. C’è chi spiega che all’estero in alcuni casi già funziona così. E chi ricorda il divieto, lasciato cadere nel nulla, di gettare mozziconi per terra. Ma non manca chi parla di espedienti di distrazione di massa: “La dichiarazione del sindaco è un diversivo, serve a far discutere ma non avrà attuazione”. E voi che ne dite?

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili

MANI PULITE 25 ANNI DOPO

di Gianni Barbacetto ,Marco Travaglio ,Peter Gomez 12€ Acquista
Articolo Precedente

A Genova si organizzano escursioni suggestive nelle ex case chiuse

next
Articolo Successivo

Addio Londra, addio punk!

next