Due adesivi con la scritta “Sieg Heil”, il simbolo delle Ss e una svastica sono stati trovati sul campanello dell’appartamento della figlia di un partigiano. L’episodio è avvenuto a Torino, nel quartiere Vanchiglia. La donna, iscritta all’Anpi, ha sporto denuncia alla Digos che sta indagando sull’accaduto. Qualche giorno fa episodi simili erano avvenuti in altre città. Scritte antisemite erano comparse sui muri di Torino, Mondovì, Brescia e Giaveno.

Il primo caso era stato segnalato a Mondovì, in provincia di Cuneo, il 24 gennaio: la scritta “Qui ebrei” comparsa sulla porta del figlio della partigiana Lidia Beccaria Rolfi. La notte precedente, a Monza, dei vandali erano entrati nel “Bosco della Memoria” e avevano piegato le istallazioni di ferro che ricordano le vittime dei lager nazisti, probabilmente con lo scopo di abbatterle. Il 26 gennaio, a Guastalla, nella Bassa reggiana, una pietra d’inciampo dedicata ad Aldo Munari – militare internato in Germania – è stata danneggiata, forse con colpi di piccone, davanti a quella che fu la sua abitazione.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: il tuo contributo è fondamentale

Il tuo sostegno ci aiuta a garantire la nostra indipendenza e ci permette di continuare a produrre un giornalismo online di qualità e aperto a tutti, senza paywall. Il tuo contributo è fondamentale per il nostro futuro.
Diventa anche tu Sostenitore

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

A14, il giudice dà l’ok a riapertura del viadotto Cerrano ai tir. Confermate le altre limitazioni

next
Articolo Successivo

Blocco del traffico a Milano, dalle 10 alle 18 di domenica divieto di circolazione per i veicoli (con deroghe). Ecco come funzionerà

next