Sei auto incendiate e chiodi sull’asfalto dell’autostrada A1 per sbarrare la strada, coperti dal buio della notte, a un portavalori che trasportava milioni di euro. Ma il colpo è fallito, grazie alla prontezza dei vigilantes che si trovavano a bordo del mezzo della ditta Battistolli. Avrebbe agito con una batteria numerosa, composta da almeno 15 rapinatori su 6 auto, il commando che attorno alle 23 di martedì, alle porte di Milano, ha tentato l’assalto al portavalori, che è però riuscito a rifugiarsi in un autogrill. Sul posto sono intervenute diverse squadre dei vigili del fuoco, che hanno spento gli incendi, e la scientifica della Polizia di Stato. Le sei automobili che sarebbero state utilizzate dagli assalitori sono state ritrovate incendiate su una stradina di campagna a ridosso di Salerano sul Lambro, nel Lodigiano. Nessuna delle guardie giurate è rimasta ferita.

Secondo una prima ricostruzione il mezzo di trasporto, che viaggiava in direzione Sud, verso Bologna, dopo la barriera di Melegnano si è trovato davanti un tir e un altro furgone appaiati, che gli hanno rallentato la corsa e lo hanno speronato. Nell’urto è esploso uno pneumatico del furgone portavalori, il cui conducente è riuscito a mantenere il controllo della guida, e a infilare la corsia di ingresso all’aera di servizio di San Zenone al Lambro. Lì i vigilantes sono scesi notando una pattuglia della Stradale in sosta, a cui si sono rivolti.

Fino a quel momento non era chiaro che fosse in atto un tentativo di rapina. La conferma è giunta poco dopo quando si è avuta notizia della barriera di auto in fiamme e di chiodi posta sulla carreggiata dalla banda qualche chilometro più avanti, all’altezza di Lodi Vecchio, per organizzare un’imboscata a cui il mezzo non è mai arrivato. A quel punto i rapinatori hanno capito che il colpo era ormai abortito e sono fuggiti, incendiando le sei auto con cui erano arrivati in una strada statale nei pressi dell’A1.

La tipologia del colpo non è una novità. Negli scorsi anni sono stati molti i tentativi – a volte falliti, altre volte andati a segno – di svaligiare portavalori lungo grandi arterie di viabilità. In diversi casi gli autori delle rapine, tentate o riuscite, sono stati identificati nei mesi successivi. Molte bande ‘specializzate’ in azioni spericolate hanno la loro base in Puglia, in particolare nel Foggiano e nell’alto Barese, come aveva raccontato Ilfattoquotidiano.it la scorsa estate.

Il Fatto di Domani - Ogni sera il punto della giornata con le notizie più importanti pubblicate sul Fatto.

ISCRIVITI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili

MANI PULITE 25 ANNI DOPO

di Gianni Barbacetto ,Marco Travaglio ,Peter Gomez 12€ Acquista
Articolo Precedente

Francesca Fantoni, 28enne fermato nella notte con l’accusa di aver ucciso la donna trovata morta nel parco

next
Articolo Successivo

Omicidio di Bedizzole, ha confessato il 32enne arrestato: incastrato dal sangue di Francesca Fantoni sulla felpa

next