“Chiediamo la stabilizzazione dei 654 precari di Anpal Servizi, ci aspettavamo delle reazioni coerenti da parte dell’azienda. Ci è stato più volte chiesto di lavorare in maniera precaria. Il 5 febbraio saremo sotto al suo Ministero”. Così le operatrici di Anpal che, a Milano, hanno prima letto,poi consegnato una lettera di protesta alla ministra del Lavoro, Nunzia Catalfo, a margine della presentazione del libro Basta Salari da Fame! di Marta e Simone Fana. “Avete la mia attenzione” ha risposto la ministra, che ha preso con sé la copia della lettera, promettendo di rimanere in contatto coi lavoratori in vista della manifestazione di febbraio.

Il Fatto di Domani - Ogni sera il punto della giornata con le notizie più importanti pubblicate sul Fatto.

ISCRIVITI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Catalfo (ministra Lavoro): “Salario minimo orario è nostro obiettivo”. La ricercatrice Fana: “Risultato? Redditi più alti per tutti”

next
Articolo Successivo

Sicilia, autotrasportatori annunciano il blocco dei porti per 5 giorni a febbraio. La richiesta di un tavolo dopo i rincari dei noli marittimi

next