Un vasto incendio, probabilmente di origine dolosa, ha distrutto 23 mezzi della ditta Buttol srl che si occupa del servizio di igiene urbana a San Severo, nel Foggiano. I mezzi erano parcheggiati in un capannone in periferia. Sul posto sono intervenuti i vigili del fuoco. Le cause del rogo sono in fase di accertamento – la polizia dovrà acquisire e visionare i filmati delle telecamere di sicurezza – ma gli inquirenti non escludono che si sia trattato di un attentato. Dal Comune hanno fatto sapere che il contratto con la ditta è in scadenza a febbraio.

Noi non ci arrendiamo, la città non si arrende e continueremo a lottare per la ricerca della legalità. Confidiamo nel lavoro delle forze dell’ordine che presto arriveranno alla verità”. Sono le parole del sindaco di San Severo, Francesco Miglio, e dell’assessore all’Igiene urbana Felice Carrabba. Questa mattina il prefetto Raffaele Grassi, dopo aver contattato il primo cittadino per esprimere la propria vicinanza a tutta la cittadinanza, ha convocato per martedì prossimo – a quanto si apprende dal Comune – una riunione con i vertici delle forze dell’ordine in Prefettura. Da luglio dello scorso anno sono già quattro gli incendi che hanno riguardato aziende per la raccolta di rifiuti nel Foggiano. A luglio 2019 furono distrutti 33 mezzi della Tekra a San Giovanni Rotondo; a ottobre furono incendiati 13 autocompattatori della ditta Tecneco a Chiuti, poi una settimana più tardi fu avvolto dalle fiamme il capannone della Sia a Carapelle.

Video Facebook/Voce di Foggia

Oggi in Edicola - Ricevi ogni mattina alle 7.00 le notizie e gli approfondimenti del giorno. Solo per gli abbonati.

ISCRIVITI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

“Qui vive un antifascista”, il cartello di Sala sulla sua porta di casa: la risposta del sindaco di Milano alla scritta antisemita di Cuneo

next
Articolo Successivo

Napoli, 80 euro per 9 caffè a Castellammare. Politico si infuria: “Ladri”. Ma il bar lo denuncia

next