La dj e conduttrice di Radio2 Ema Stokholma ha rivelato in un’intervista a Rolling Stones i retroscena del suo ingaggio a PrimaFestival, la striscia quotidiana di Rai1 in onda dal 27 gennaio all’8 febbraio dopo il tg delle 20. È stato lo stesso Amadeus a chiamarla per proporle la conduzione, ma la quella prima telefonata è stata piuttosto movimentata: “È successo due domeniche fa, mentre stavo facendo una video-chiamata con Andrea Delogu – ha raccontato Ema -. Aveva fatto pulizia del frigo gettando nel water i prodotti scaduti. Il water si era otturato e Andrea mi ha chiamata perché dovevo incoraggiarla. Non aveva la ventosa e doveva infilare le mani nella tazza“.

Il water era pieno di senape e, mentre Andrea aveva la mano nel water, mi è arrivata la chiamata da un numero che non conoscevo, così ho buttato giù – ha proseguito la vincitrice di Pechino Express -. Sì, mi arriva l’anteprima di WhatsApp: ‘Ciao Ema, sono Amadeus mi puoi richiamare, per favore?‘. Ho detto alla Delogu: ‘Andrea io ti ho odio, mentre tu stai con le mani nel water, io rifiuto le chiamate importanti!’. Quando ho richiamato Amadeus gli ho detto che era colpa di Andrea (ride, nda). Si è messo a ridere. È stato gentilissimo, molto disponibile e sicuramente lo sfrutteremo durante il PrimaFestival, ci farà delle piccole interviste. Mi è piaciuto subito”, ha concluso.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez