“Ikea invita tutti i clienti che hanno acquistato un bicchiere da viaggio Troligtvis riportante la dicitura ‘Made in India’ a non utilizzarlo“. Così si legge in un annuncio pubblicato in questi giorni dall’azienda svedese su molti quotidiani per avvisare tutti i clienti che lo hanno acquistato a riportarlo in negozio. Il motivo? “Recenti test effettuati indicano che il prodotto può rilasciare sostanze chimiche in quantità superiori ai limiti stabiliti. Ikea quindi, invita tutti i clienti a riportare il bicchiere da viaggio al più vicino negozio Ikea, dove riceveranno un rimborso completo”, come si legge ancora nel comunicato con cui l’azienda segnala il ritiro dal mercato dell’oggetto in questione.

Da anni Ikea ha deciso di bandire l’uso degli ftalati dai prodotti destinati al contatto con gli alimenti e quindi – alla luce dei risultati di analisi di laboratorio – ha bloccato immediatamente la distribuzione dei bicchieri da viaggio (in vendita da agosto 2019), avviando al tempo stesso un’indagine. Quest’ultima ha dimostrato che i bicchieri contrassegnati con la dicitura “Made in India” possono presentare il problema segnalato e quindi la società ha deciso di ritirarli dal mercato nonostante il rischio di effetti negativi immediati sulla salute sia molto basso. Per ulteriori informazioni, i clienti possono visitare il sito www.IKEA.it o contattare il Servizio Clienti al numero verde 800 92 46 46.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

“Siamo sopravvissuti a Sanremo”: FqLife torna con moltissimi ospiti. Da Diodato a Elodie, Gabbani, Emma e Gabriele Muccino

next
Articolo Successivo

Harry e Meghan, i canadesi non vogliono i duchi del Sussex: “Se si è un membro della famiglia reale, questo paese non può essere considerato casa”

next