Trump ha dimostrato di non essere sempre molto preparato in tutte le materie, ma di certo in geografia i suoi connazionali statunitensi lo battono 5 a 0. Almeno questo è quello che risulta da un sondaggio online promosso da Morning Consult e Politico all’indomani dell’uccisione del generale iraniano Soleimani da parte dell’esercito americano. Meno di tre statunitensi su 10 sanno rintracciare l’Iran su una cartina del mondo priva di didascalie. Messa in percentuali: solo il 23% dei quasi 2000 partecipanti di fronte ad un mappamondo ha puntato il ditino sul punto esatto per indicare lo stato governato da oramai 40 anni da un regime teocratico ora ferocemente in rotta con gli Stati Uniti.

Per agevolare oltretutto gli utenti è stato fatto anche un test su una cartina ristretta in un’area che va dall’Europa, passando per il Nord Africa e fino al Medio Oriente. Ma niente. Dal 23% si è passati ad un misero 28%. In linea generale si rileva che l’8% degli intervistati ha scambiato l’Iran con il contiguo, a ovest mi raccomando, Iraq. Mentre in molti hanno concentrato la loro attenzione un po’ più a nord ovest puntando il dito tra Balcani e Mar Nero. Ci sono poi le risposte troppo assurde per essere vere.

Una trentina di utenti, probabile fossero dei burloni in combutta, ha collocato l’Iran direttamente sul suolo patrio tra Arkansas e Missouri. Un altro buon numero di persone è riuscito a piazzare l’Iran perfino in Italia. E qui davvero la congiura dei burloni sembra saltare. Già perché secondo un paio di intervistati l’Iran è in Salento, tra le province di Brindisi e Taranto, poi ancora l’area attorno al Gargano, Ancona, Lanciano e Pescara.

Per non farsi mancare niente c’è chi ha puntato il dito anche su Caorle, l’Alto Adige, Genova, il Molise, Viareggio, Grosseto e perfino Amatrice (sic). Infine qualche considerazione generale di Morning Consult e Politico: gli uomini sono stati capaci di identificare l’Iran sulla mappa rispetto almeno al doppio delle donne, mentre partito politico di appartenenza ed età non sono stati rilevanti statisticamente.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te

In questi tempi difficili e straordinari, è fondamentale garantire un'informazione di qualità. Per noi de ilfattoquotidiano.it gli unici padroni sono i lettori. A differenza di altri, vogliamo offrire un giornalismo aperto a tutti, senza paywall. Il tuo contributo è fondamentale per permetterci di farlo. Diventa anche tu Sostenitore

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

È morta Laga, il pastore tedesco eroe del terremoto di Amatrice: aveva scavato tra le macerie assieme al suo padrone

next
Articolo Successivo

Imma Pirone, l’attrice di “Un posto al Sole” rivela: “Ho un secondo lavoro, aiuto mia madre a fare le pulizie nei condomini”

next