L’auto di servizio dell’associazione di volontari ‘Civilis-Ispettori ambientali’ di Manfredonia è stata incendiata nella notte tra il 13 e il 14 gennaio. Il mezzo, come testimonia un video pubblicato su Facebook dal presidente nazionale della Onlus Foggiana, Giuseppe Marasco, è stato incendiato da un uomo intorno alle 22:30 circa. L’incappucciato ha prima cosparso l’auto di benzina per poi darle fuoco. Per spegnere l’incendio sono intervenuti i Vigili del fuoco. “Chiara la matrice dolosa e l’attacco alle Istituzioni”, scrive Marasco sul social. “Manfredonia è città mafiosa e delinquenziale, anche con collegamenti a livello politico. Chiedo al Ministro dell’Interno, al Prefetto di Foggia e al Procuratore Capo di intervenire per eliminare questo cancro”, continua. Un episodio simile è accaduto nella giornata di lunedì a Vieste, quando è stata incendiata la saracinesca di un negozio. L’11 gennaio, invece, a Foggia, una bomba è stata fatta esplodere contro il negozio della sorella del presidente del Consiglio comunale di Orta Nova, la cui auto fu incendiata un mese fa.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Palermo, scoperti falsi invalidi: due arresti per truffa all’Inps. Le intercettazioni: “Il regalo per me c’è?”. “Te lo faccio”

next
Articolo Successivo

Celibato sacerdoti, don Mazzi: “Problema di oggi non è sposarsi o no, ma capire il significato dell’essere prete”

next