Scambio di favori, rapporti inopportuni e vantaggi di varia natura. Tutto per essere certificati come “invalidi”, truffando così l’Inps, il’Istituto nazionale previdenza sociale. È il sistema illecito scoperto dalla Guardia di finanza di Palermo che ha portato all’arresto di due persone e al sequestro di 100mila euro. L’accusa è, a vario titolo, di truffa ai danni dello Stato, truffa aggravata per il conseguimento di contributi pubblici, falsità ideologica e traffico di influenze illecite. Secondo quanto ricostruito dai militari, numerosi soggetti, in cambio di cospicue somme di denaro, hanno ottenuto indennità previdenziali e/o assistenziali, in realtà non spettanti. Le intercettazioni hanno permesso di ricostruire il sistema: gli indagati cominciavano con la ricerca dei “potenziali clienti”, individuando coloro che apparivano “bisognosi” e “disponibili” a richiedere un “aiuto” per ottenere riconoscimenti pensionistici o assitenziali, e poi li indirizzavano a medici compiacenti che avrebbero redatto i certificati necessari ad attestare la sussistenza delle patologie “utili” per l’ottenimento delle indennità.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Palermo, “falsi invalidi che ballavano e guidavano l’auto”: due arresti per truffa all’Inps

next
Articolo Successivo

Foggia, incendiata l’auto delle guardie ambientali di Manfredonia: il video pubblicato su Facebook

next