In un’epoca in cui il termine populismo è diventato una bestemmia, ecco le rivolte sanguinarie di popolo che sanno di giustizia sociale. 1849 – I guerrieri della libertà di Valerio Evangelisti (Mondadori) srotola otto nove mesi di antefatto, svolgimento e fine cruenta della Repubblica Romana, incatenando il lettore nei bassifondi popolani, zozzi, volgari e violenti dell’Urbe. Facendo capire che le rivoluzioni, quelle vere, quelle che cambiano l’ordine delle cose, si fanno dal basso e con le armi. Romanzo storico con evangelistiano protagonista neutro, apparentemente distante e distratto rispetto ai fatti narrati, che ci fa esplorare da testimone l’ambito politico e sociale con la lente del parvenu: i moti di popolo e i suoi protagonisti, da Ciceruacchio a Garibaldi, dal traditore Pellegrino Rossi a Goffredo Mameli. Il vettore è tal Folco Verardi, garzone panettiere romagnolo, giunto a Roma dopo aver battagliato in retroguardia contro gli austriaci in Veneto, assieme alle altre due componenti del repubblicanesimo dell’epoca: l’illuminato conte Lanzoni e l’inquieto tagliagole giacobino Gabariol. Da un lato della barricata Papa Pio IX prima riformista poi in fuga a Gaeta e infine a chiamare la mamma, francese, per ristabilire l’ordine; in mezzo la Costituente democratica (la tiritera scolastica del triumvirato Saffi-Armellini-Mazzini) ottenuta con la forza e col sangue (i preti sgozzati, per dire); dall’altro la plebe, tutta osterie, fiaschi di vino, bambini scalzi, lame e donne combattenti, umanità disgraziata, coraggiosa e ribelle. Come in tutta la letteratura di Evangelisti, quella non fantasy del pur grandioso Emmerich, l’attenzione per i miserabili è entomologica, il rispetto delle cause egualitariste è sincero e mai retorico, la ricerca storica infinitesimale e inedita. Un romanzo da succhiare come un gocciolante e polposo frutto maturo. Per veri rivoluzionari. Voto 7 e 1/2

Lo scaffale dei libri, la nostra rubrica settimanale: diamo i voti da Valerio Evangelisti a Marco Buticchi (e… Giulio Andreotti)

AVANTI
close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L'abbiamo deciso perchè siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un'informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Jennà Romano, un eremita metropolitano di rara sensibilità che mescola parole e note

next
Articolo Successivo

Gli imperdonabili, un manifesto intellettuale di cui si sentiva il bisogno

next