In un’epoca in cui il termine populismo è diventato una bestemmia, ecco le rivolte sanguinarie di popolo che sanno di giustizia sociale. 1849 – I guerrieri della libertà di Valerio Evangelisti (Mondadori) srotola otto nove mesi di antefatto, svolgimento e fine cruenta della Repubblica Romana, incatenando il lettore nei bassifondi popolani, zozzi, volgari e violenti dell’Urbe. Facendo capire che le rivoluzioni, quelle vere, quelle che cambiano l’ordine delle cose, si fanno dal basso e con le armi. Romanzo storico con evangelistiano protagonista neutro, apparentemente distante e distratto rispetto ai fatti narrati, che ci fa esplorare da testimone l’ambito politico e sociale con la lente del parvenu: i moti di popolo e i suoi protagonisti, da Ciceruacchio a Garibaldi, dal traditore Pellegrino Rossi a Goffredo Mameli. Il vettore è tal Folco Verardi, garzone panettiere romagnolo, giunto a Roma dopo aver battagliato in retroguardia contro gli austriaci in Veneto, assieme alle altre due componenti del repubblicanesimo dell’epoca: l’illuminato conte Lanzoni e l’inquieto tagliagole giacobino Gabariol. Da un lato della barricata Papa Pio IX prima riformista poi in fuga a Gaeta e infine a chiamare la mamma, francese, per ristabilire l’ordine; in mezzo la Costituente democratica (la tiritera scolastica del triumvirato Saffi-Armellini-Mazzini) ottenuta con la forza e col sangue (i preti sgozzati, per dire); dall’altro la plebe, tutta osterie, fiaschi di vino, bambini scalzi, lame e donne combattenti, umanità disgraziata, coraggiosa e ribelle. Come in tutta la letteratura di Evangelisti, quella non fantasy del pur grandioso Emmerich, l’attenzione per i miserabili è entomologica, il rispetto delle cause egualitariste è sincero e mai retorico, la ricerca storica infinitesimale e inedita. Un romanzo da succhiare come un gocciolante e polposo frutto maturo. Per veri rivoluzionari. Voto 7 e 1/2

Lo scaffale dei libri, la nostra rubrica settimanale: diamo i voti da Valerio Evangelisti a Marco Buticchi (e… Giulio Andreotti)

AVANTI

Il Fatto di Domani - Ogni sera il punto della giornata con le notizie più importanti pubblicate sul Fatto.

ISCRIVITI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Jennà Romano, un eremita metropolitano di rara sensibilità che mescola parole e note

next
Articolo Successivo

Gli imperdonabili, un manifesto intellettuale di cui si sentiva il bisogno

next