Ventuno enti locali sciolti per mafia e 26 proroghe di precedenti scioglimenti. Il 2019 diventa così l’anno con maggiori comuni senza guida per infiltrazioni della criminalità organizzata da quando, nel 1991, è entrata in vigore la legge che disciplina l’istituto. Nel calcolo di Avviso Pubblico – rete di Enti locali e Regioni contro le mafie – finiscono 8 comuni calabresi, 7 siciliani, 3 pugliesi, 2 campani e uno lucano.

Le amministrazioni commissariate nel 2019 in Calabria sono quelle di Careri, nel Reggino e già sciolta una prima volta nel 2012; Sinopoli, già sciolto nel 1997; Africo, che era già stata colpita dal provvedimento nel 2019, e sempre in provincia di Reggio Calabria altri tre Comuni: San Giorgio Morgeto, Palizzi e Stilo. Inoltre, sono stati colpiti dal decreto l’Azienda sanitaria provinciale di Reggio Calabria e quella di Catanzaro.

In Sicilia sono stati sciolti per mafia i Comuni di Pachino (Siracusa), San Cataldo (Caltanissetta), Mistretta (Messina), San Cipirello (Palermo), Torretta (nel Palermitano), Misterbianco (Catania; già tra i primi enti sciolti nel 1991) e Mezzojuso, sempre nel circondario del capoluogo siciliano. In Puglia, invece, è toccato ai comuni foggiani di Cerignola e Manfredonia, oltre a Carmiano, in provincia di Lecce.

Arzano, nel Napoletano, è stato sciolto per la terza volta dopo il 2008 e il 2015, mentre Orta di Atella è al secondo scioglimento dopo quello del 2008. È stato colpito dal provvedimento anche il comune di Scanzano Jonico, in provincia di Matera. Dal 1991, anno di entrata in vigore della legge che disciplina tale istituto, è la settima volta che viene superata la soglia dei 20 scioglimenti. I dati di Avviso Pubblico dicono che nel complesso sono stati emanati 545 decreti ex art. 143 del testo unico sugli enti locali, dei quali 205 di proroga. Su 340 decreti di scioglimento, 23 sono stati annullati dai giudici amministrativi.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Bari, le mani dei clan sulle slot machine: 36 arresti dell’Antimafia, sequestrati 7,5 milioni

next
Articolo Successivo

Veneto, la Regione non si costituisce parte civile al processo sui “casalesi di Eraclea”. M5s: “Forse per Zaia non è una priorità”

next