Lockheed Martin, Northrop Grumman, Raytheon e General Dynamics hanno visto una impennata delle loro azioni dopo che l’esercito americano ha ucciso il generale iraniano Qasem Soleimani. Il valore delle azioni delle società di difesa è aumentato, così come il prezzo del petrolio e dell’oro, in risposta alla tensione. La situazione ha interessato anche la compagnia petrolifera saudita Aramco, recentemente quotata.

Il produttore di F-35 Lockheed Martin ha visto salire il prezzo delle azioni del 3,6%; allo stesso modo, Northrop Grumman ha chiuso la giornata del 7 gennaio con un aumento del 5,4% sul prezzo delle azioni. Anche altre società di difesa hanno risposto positivamente alla notizia, con Raytheon e General Dynamics che hanno registrato rispettivamente un aumento dell’1,48% e dell’1,75% nel prezzo delle azioni. Nel Regno Unito questa tendenza è stata seguita con un aumento del valore delle azioni di Bae Systems dell’1,1% mentre QinetiQ ha registrato un modesto aumento dello 0,3%.

Dopo l’omicidio del generale, la Russia vuole proporre all’Iraq l’acquisto di alcuni sistemi missilistici di difesa aerea a lungo raggio S-400, come mezzo per garantire la sovranità del Paese e una protezione affidabile dello spazio aereo. Lo riporta l’agenzia di stampa russa Ria Novosti citando Igor Korotchenko, membro del consiglio pubblico presso il ministero della Difesa. Secondo Korotchenko: “l’Iraq è un partner della Russia nella cooperazione tecnico-militare e la Federazione Russa può fornire i mezzi necessari per garantire la sovranità del Paese e una protezione affidabile dello spazio aereo, con la fornitura di S-400 e di altri componenti del sistema di difesa aerea, come i sistemi Buk-M3 e Tor-M2 a medio e corto raggio”.

Intanto sul fronte militare stanotte all’1.20 ben 35 missili sarebbero stati lanciati contro due basi statunitensi in Iraq. L’agenzia iraniana Farsnews precisa che Teheran ha lanciato i missili balistici Qiam-1 (con un raggio d’azione di 750 chilometri) e Fateh (il Fateh 110 ha 200 chilometri di raggio d’azione, il Fateh 313 circa 500 chilometri). Dopo i missili iraniani i mercati sembrano ancora più allarmati. L’oro ha sfondato il muro dei 1600 dollari l’oncia rivedendo, prima di recuperare lievemente, i massimi da marzo 2013. Anche i prezzi del petrolio in netto rialzo. Sui mercati asiatici le quotazioni del Brent sono aumentate del 3,6 per cento superando quota 70,50 dollari, prima di ripiegare intorno a quota 69 dollari. Rialzo anche per il Wti che in pochi minuti è risalto da 62,70 a 64,20 dollari mentre al momento viene scambiato a 63,20 dollari il barile.

In merito all’Italia, le azioni Leonardo stanno guadagnando il 2,02%. La corsa dell’azienda specializzata nei settori difesa, aerospazio e sicurezza è guidata dalle rosee prospettive di aumentare il business in questo momento storico così conflittuale.

Il conflitto sta aprendo scenari anche in campo cyber tra i due belligeranti: Usa e Iran, due potenze cyber che dispongono di arsenale non irrilevante. Basta dare uno sguardo alla lista delle Apt dell’Iran che secondo gli analisti sono guidate dallo stato (per citarne solo alcune: APT 33, APT 34, APT 39, Charming Kitten, Cleaver, CopyKittens).

Dal 2018 l’Iran avrebbe compiuto attacchi in Medioriente e anche contro società della sicurezza che operano in Occidente. L’attuale attività informatica dell’Iran sembra progettata per condurre lo spionaggio contro i rivali regionali, controllo delle attività dei dissidenti e promozione di ulteriori campagne di guerra ibrida a livello internazionale. Oggi i fronti di battaglia sono due: l’Iraq dove non mancano certamente dei bersagli e il cyberspace.

In Italia i riflettori sono puntati sul festival di Sanremo mentre in Medio Oriente è partita la lotta per una egemonia regionale dopo la fine del presunto califfato dell’Isis.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Soleimani, un’Europa unita avrebbe potuto imporre agli Usa una condotta diversa

next
Articolo Successivo

Attacco Iran a basi Usa in Iraq, le compagnie aeree sospendono voli su Teheran e Baghdad

next