“Ho fatto denunce contro la ‘ndrangheta figuriamoci se ho paura dei probiviri. Da questo momento in poi per protesta non rendiconterò più nella piattaforma del M5S: ho già provveduto a fare le prime donazioni di parte del mio stipendio ad associazioni sul territorio impegnate in attività culturali, diritti dei minori e assistenza ai malati”. Lo dice sul proprio profilo Facebook la deputata calabrese di M5s, Dalila Nesci, in un lungo in un video in cui ribadisce una serie di critiche alla conduzione del Movimento. La parlamentare è nella lista dei morosi del Movimento, accusata di non essere in regola con le restituzioni. “Dovevamo operare una rivoluzione culturale – scrive Nesci – ma le maggiori energie e risorse sono state utilizzate in questi anni per abbassare il discorso politico. Tanto è vero che ci ritroviamo ciclicamente a parlare di rendicontazioni per denigrare qualche parlamentare e distogliere l’attenzione dalle questioni politiche su cui invece bisognerebbe argomentare”

Sostieni ilfattoquotidiano.it: se credi nelle nostre battaglie, combatti con noi!

Sostenere ilfattoquotidiano.it vuol dire due cose: permetterci di continuare a pubblicare un giornale online ricco di notizie e approfondimenti, gratuito per tutti. Ma anche essere parte attiva di una comunità e fare la propria parte per portare avanti insieme le battaglie in cui crediamo con idee, testimonianze e partecipazione. Il tuo contributo è fondamentale. Sostieni ora

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

M5s, espulsioni e cambi di casacca aiutano a trovare un’identità. Ora è tempo di maturità

next
Articolo Successivo

M5s, il deputato Cappellani va nel Misto: “Non mi riconosco più nella squadra. Restituzioni dello stipendio? Ho dimenticato la password”

next