A meno di una settimana dalla sua espulsione, il senatore Gianluigi Paragone mostra sui social la lettera firmata dal capogruppo Gianluca Perilli, che decreta l’allontanamento dal Movimento 5 stelle. Quella che lui stesso definisce “il cartellino rosso”: “Non potrò più sedere sui banchi del Movimento 5 stelle”. In un video pubblicato sul suo profilo Facebook, Paragone sventola e legge il codice etico, e spiega poi che “ci sarebbe la possibilità di chiedere agli iscritti cosa ne pensano dell’espulsione”. Per questo alla fine si rivolge direttamente al capo politico Di Maio: “Ti sfido, metti la ratifica della mia espulsione su Rousseau se hai il coraggio”

Sostieni ilfattoquotidiano.it ABBIAMO DAVVERO BISOGNO
DEL TUO AIUTO.

Per noi gli unici padroni sono i lettori.
Ma chi ci segue deve contribuire perché noi, come tutti, non lavoriamo gratis. Diventa anche tu Sostenitore. CLICCA QUI
Grazie Peter Gomez

Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Iran-Usa, Di Maio: “La Costituzione dice che l’Italia ripudia la guerra. Chi crede che la strada sia la violenza ci espone a ritorsioni”

next
Articolo Successivo

Checco Zalone, La Russa: “Ha truffato con trailer sovranista ma suo film è una storiella noiosa. Boldrini ci metterebbe più passione”

next