Condividere i file tra smartphone è un’esigenza sempre più pressante nel nostro mondo social e connesso. Purtroppo però Android è da sempre un sistema frammentario che, nonostante la sua natura open source, deve affidarsi spesso a soluzioni proprietarie dei singoli produttori di smartphone per molte sue funzionalità. Una situazione non certo ottimale per i consumatori che, nonostante condividano lo stesso sistema operativo, possono spesso andare incontro a difficoltà nello scambiarsi file. Per questo tre produttori cinesi, Xiaomi, Oppo e Vivo, hanno deciso di consorziarsi nella Peer-to-Peer Transmission Alliance, con l’obiettivo di sviluppare una tecnologia comune di file sharing che semplifichi il trasferimento di file tra smartphone Android di diversi produttori.

Google da parte sua ci aveva provato con Android Beam, tecnologia di file sharing basata sull’uso dei moduli NFC, ma senza molto successo, tanto da rimuoverla definitivamente da Android 10. La nuova tecnologia condivisa, di cui ancora non è stato svelato il nome, utilizzerà invece le connessioni Bluetooth per il pairing dei dispositivi e il WiFi per trasferire i file, con possibilità di raggiungere velocità di 20 MB/s. Per utilizzarla inoltre non sarà richiesta l’installazione di un’app, visto che la soluzione sarà già integrata nelle versioni dei rispettivi sistemi operativi.

Il funzionamento sarà assai semplice, sostanzialmente si tratterà infatti di una condivisione P2P attivabile tramite il tocco di un semplice pulsante. Il suo utilizzo non interromperà la connessione WiFi e quindi sarà possibile svolgere altre attività online mentre si condividono documenti, foto, video, musica e altri contenuti ancora.

In futuro inoltre la Peer-to-Peer Transmission Alliance potrà essere ampliata ad altri produttori eventualmente interessati, al fine di creare un vero e proprio sistema di file sharing condiviso. Per quanto riguarda il supporto, Vivo lo introdurrà solo sugli smartphone di nuova generazione, mentre Xiaomi e oppo lo garantiranno già sui dispositivi attuali equipaggiati con Android 9 Pie e con le rispettive interfacce proprietarie MIUI 11 e ColorOS 7.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te

In questi tempi difficili e straordinari, è fondamentale garantire un'informazione di qualità. Per noi de ilfattoquotidiano.it gli unici padroni sono i lettori. A differenza di altri, vogliamo offrire un giornalismo aperto a tutti, senza paywall. Il tuo contributo è fondamentale per permetterci di farlo. Diventa anche tu Sostenitore

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili