Presto la nuova interfaccia grafica MIUI 11 di Xiaomi, destinata a smartphone e smart TV, sarà in grado di diramare allerte terremoti, ” da alcuni secondi ad alcune decine di secondi” prima che il fenomeno si verifichi. Ad annunciarlo è stato lo stesso produttore cinese, durante l’annuale appuntamento dedicato agli sviluppatori, in corso a Pechino.

Quello delle allerte è uno dei settori più interessanti quando si parla di assistenti digitali, smartphone e smart speaker, perché si tratta di informazioni essenziali alla sicurezza. Presto ad esempio l’Unione europea ha intenzione di rendere obbligatoria l’adozione di soluzioni di allerta rapida da parte dei suoi membri e in Italia la Protezione Civile attiverà già dal prossimo luglio 2020 un sistema per l’invio automatico di SMS per allerte meteo, che raggiungeranno tutti i cittadini delle zone a rischio.

La decisione di Xiaomi dunque non stupisce, anzi non fa che confermare un trend destinato a un’espansione esponenziale nei prossimi mesi. Per il momento il servizio messo a punto da Xiaomi sarà riservato unicamente a un numero ristretto di utenti, e dovrebbe presto essere allargato a livello nazionale, ma costituisce comunque un importante passo avanti, perché fino ad ora nessun produttore di smartphone ha introdotto tecnologie simili e questo potrebbe essere il preludio a una diffusione di servizi analoghi anche in Occidente.

Per quanto riguarda il caso specifico, Xiaomi si è avvalsa della collaborazione dell’istituto Care-Life di Chengdu che si è occupato di sviluppare il software per l’analisi di fenomeni sismici che, a detta del direttore dell’istituto, è assai più efficiente delle soluzioni già disponibili via app in alcuni Paesi. L’aspetto più interessante è indubbiamente che l’avviso, oltre a mostrare l’epicentro e l’intensità di magnitudo del fenomeno sismico, non avrà bisogno di connessione internet per essere ricevuto.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L'abbiamo deciso perchè siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un'informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Google Assistant ti legge le principali notizie, lancio globale dal 2020

next
Articolo Successivo

Samsung Galaxy Note 10+, a dicembre arriva l’edizione Star Wars

next