Un gesto che ha fatto il giro del mondo, finendo sulle home page dei più importanti portali di informazione, compresi Bbc e The Guardian. Così, alla prima occasione utile, durante l’omelia della messa di Capodanno, papa Francesco si scusa per aver schiaffeggiato la mano di una fedele che lo aveva strattonato dopo la celebrazione del Te Deum la sera di San Silvestro.

“A volte perdiamo la pazienza. Anche io. E chiedo scusa per il cattivo esempio di ieri”, ha sottolineato Bergoglio parlando durante la celebrazione. “Gesù non ha tolto il male dal mondo ma lo ha sconfitto alla radice – era stato il preambolo – La sua salvezza non è magica, ma ‘paziente’, cioè comporta la pazienza dell’amore, che si fa carico dell’iniquità e le toglie il potere”. Quindi ha iniziato a parlare a braccio di quanto accaduto in piazza San Pietro poche ore prime e ha chiesto scusa per il suo gesto.

Sui social, gli schiaffi del pontefice hanno diviso gli utenti. In tanti hanno sottolineato l’irritualità del gesto, ma molti sono i commenti a difesa, anche memori della aggressione a Papa Benedetto XVI la notte di Natale del 2009: “Sono disgustato dagli interventi pieni di astio, sui social, verso il Papa. Stava per finire a gambe levate – fa notare un utente di twitter – strattonato da una persona senza senso della misura. Ha reagito come naturalmente avrebbe fatto chiunque”.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Milano, Vigili del Fuoco aggrediti durante un intervento per un incendio: “Ci hanno lanciato bottiglie e rubato le chiavi dell’autopompa”

next
Articolo Successivo

Torino, libreria storica sfrattata dopo 43 anni per un supermarket: lancia petizione e raccoglie 700 donazioni. “Il paradosso? Non siamo in crisi”

next