Dopo 43 anni, la nostra libreria sarà sfrattata non dalla crisi, ma dalla speculazione immobiliare che porterà in questi locali un supermercato”. La libreria Comunardi è uno storico punto di riferimento della vita culturale e politica torinese. È stata fondata nel 1976 da Paolo Barsi e la sua storia si intreccia con quella della città: “Qui venivano studenti, operai, militanti politici in un momento effervescente per una società che chiedeva un cambiamento” ricorda il fondatore mentre riordina i libri nella sezione politica. È proprio questo il cuore pulsante della libreria insieme a quelle di storia e filosofia. Ma ci sono anche grandi spazi dedicati all’immagine come le “graphic novel”: “Una scelta non scontata se si pensa che negli anni Settanta i fumetti venivano considerati come letteratura di serie Z”. Con il passare degli anni la libreria è cresciuta sempre di più mantenendo però l’assetto originale mentre la città attorno a lei cambia sotto la spinta della “gentrification”. “È un processo di espulsione delle tipologie merceologiche che non producono profitti alla rendita – analizza Barsi – noi siamo in affitto da sempre ma adesso la società immobiliare proprietaria dei locali vuole sostituirci con un supermercato che pagherà il 70% in più del valore attuale”. Un affitto insostenibile per la libreria che a gennaio dovrà abbandonare lo spazio che per 43 anni ha ospitato i suoi volumi. “Il paradosso è che non siamo in crisi per il calo dei libri, ma siamo costretti comunque ad abbassare la saracinesca a gennaio per colpa di questo processo”. La petizione, che ha raccolto 82mila firme in un anno, non è bastata per fermare la chiusura. L’unica alternativa? Acquistare uno spazio alternativo nella stessa zona. Per questo è stata lanciata la campagna di Crowdfunding #savecomunardi che ha raccolto oltre settecento donazioni, per una valore stimato di circa 70mila euro tra raccolta online e somme lasciate in negozio. “Le istituzioni non sono potute intervenire – conclude Bardi – E per completare l’acquisto serve che la banca ci conceda un mutuo”.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L'abbiamo deciso perchè siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un'informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Papa Francesco dopo gli schiaffi alla mano della fedele: “Chiedo scusa per il cattivo esempio. Anche io a volte perdo la pazienza”

next
Articolo Successivo

Monopattini elettrici, ora possono circolare come le biciclette. Stop alle multe, casco non obbligatorio ma consigliato

next