Il presidente della Repubblica, Sergio Mattarella, ha firmato nella serata del 30 dicembre il decreto Milleproroghe. Il provvedimento dovrebbe essere pubblicato in Gazzetta Ufficiale già domani. Il termine ultimo per la firma era il 31 dicembre e se non fosse arrivata il provvedimento sarebbe decaduto.

Il testo è stato approvato il 23 dicembre scorso con la formula “salvo intese”, a causa della mancata intesa nella maggioranza su alcuni punti. In particolare i renziani di Italia viva hanno fatto mettere a verbale di non aver votato le norme inserite nel decreto sulle concessioni auostradali, proposte con lo scopo di punire i concessionari inadempienti. E’ stato inoltre stralciato il piano per l’Innovazione dopo che, all’interno, è stato trovato il nome di Davide Casaleggio citato tra i ringraziamenti.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Autostrade, la maggioranza (tranne i renziani) dopo il crollo del soffitto della galleria sulla A26: “Ora basta la misura è davvero colma”

next
Articolo Successivo

Regione Sardegna, la giunta Solinas destina 17 milioni di euro alle scuole materne private: oltre la metà dei fondi a quelle cattoliche

next