Se siete stanchi del solito consumismo natalizio vi ricordiamo che è da poco attiva una pagina sul sito web dell’associazione dal quale è possibile donare a tre specifici progetti di recupero, tutela e restauro di beni culturali e paesaggistici promossi dalle nostre sezioni di Lentini, Atri e Lomellina. Qui di seguito i progetti, mentre collegandosi al link www.italianostra.org troverete i dettagli di come fare. Grazie!

Lentini – Palazzo Beneventano

Cod. 01 – Lentini – Palazzo Beneventano

Palazzo storico di 1700 mq, simbolo di memorie e contatti con migliaia di vite vocate alla tradizione rurale, per decenni è stato sfruttato per usi impropri e lasciato al degrado. Come in un sogno, sta tornando ora ad essere un punto di riferimento per la collettività grazie alla sezione di Italia Nostra che provvede al restauro e all’organizzazione di mostre, eventi, incontri culturali, laboratori educativi per ogni età.

Atri – Bosco di Sant’Andrea

Cod. 02 – Atri– Bosco di Sant’Andrea

Dal 2006 la sezione di Atri di Italia Nostra sta “costruendo” un bosco in località Piane di Sant’Andrea su un’area di 10mila mq concessa dal Nucleo industriale della Provincia di Teramo: un piccolo grande intervento di compensazione ambientale, in tempi di cambiamenti climatici, che sta iniziando a manifestarsi in tutta la sua bellezza grazie alle costanti cure e piantumazioni di nuovi alberi.

Lomellina – Battesimo di Cristo

Cod. 03 – Lomellina – Battesimo di Cristo (scuola Paris Bordon)

Continuano i restauri della sezione Lomellina di Italia Nostra di importanti dipinti collocati nella Basilica di San Lorenzo a Mortara: nel 2020 sarà il dipinto raffigurante il battesimo di Cristo (olio su tela, cm. 167×132, 1560 ca.), probabilmente di Paris Bordon. Di ottima qualità, come testimoniano la plasticità delle figure, l’espressività dei volti, il sapiente drappeggio delle stoffe, occorre recuperare le tonalità cromatiche originarie.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Sostenibilità e innovazione, quando i progetti nascono nelle scuole e diventano start-up: dal robot che pulisce il mare ai fertilizzanti col caffè. Ma anche per i giovanissimi l’ostacolo sono fondi e burocrazia

next
Articolo Successivo

In queste feste seguiamo l’esempio di San Benedetto e cerchiamo di essere umani

next