Nell’ultima puntata di Live Non è la D’Urso si è parlato anche di Diletta Leotta e delle accuse sessiste che spesso le vengono mosse per la sua avvenenza. Tra gli ospiti in studio c’erano Caterina Collovati e la giornalista di Sport Mediaset Giorgia Rossi, anche lei molto popolare nel mondo del calcio. “Premetto che non ho nulla contro una bella ragazza che potrebbe essere mia figlia – ha esordito la signora Collovati -. Sarebbe assurdo. Combatto contro l’oggettivazione del corpo della donna. Ma che bisogno c’è di esprimersi con una taglia cinque di reggiseno piuttosto che dimostrare di essere brave giornaliste? Non dobbiamo diventare complici della mentalità maschilista che ci giudica solo come oggetti, questo porta a delle conseguenze”, ha detto Caterina Collovati, che pure in passato non aveva risparmiato critiche al volto di Dazn.

Ma subito è intervenuta Giorgia Rossi che ha tenuto a precisare: “Facciamo un distinguo. Diletta Leotta non è una giornalista sportiva ma una conduttrice. Lei è libera di fare quello che vuole, indossare quello che vuole, noi quando andiamo sul campo non possiamo. Sceglie liberamente quello che vuole fare”, ha spiegato.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Trent’anni fa il primo episodio dei Simpson. E fu una rivoluzione

next
Articolo Successivo

Antonino Chef Academy, il gioiellino di Cannavacciuolo: ecco cos’ha di diverso rispetto agli altri talent culinari

next