Le Iene” hanno giocato uno scherzo alla campionessa Bebe Vio. Tutto nasce dalla presentazione del progetto “fly2tokyo”, progetto che segue il percorso sportivo di 10 ragazzi dell’art4sport team in vista delle prossime Paralimpiadi. Una giornalista sexy cerca subito di provarci con i suoi due colleghi Emanuele Lambertini ed Edoardo Giordan. La campionessa si indispettisce e cerca di chiudere qualsiasi altro contatto con la procace intervistatrice. Poi ecco che le cose cambiano con l’ingresso in scena di Tony Toscano, un fantomatico manager per conto di Mediaset che vorrebbe rappresentare Bebe Vio, la quale respinge l’offerta elegantemente: “Grazie mille, ma c’ho papà che mi fa da manager. Non mi fido di nessuno”. Un volta rimasta sola con i suoi due amici subito li mette in guardia: “Non fidatevi di queste persone di merda. Hai visto chi segue? Questa mezza mignotta qua”.

Qualche giorno dopo tutti e tre si spostano ad Amsterdam per alcune sfide agonistiche. Una volta rientrati in hotel però emerge un elemento che crea scompiglio. Edoardo ed Emanuele confessano a Bebe di aver firmato un contratto proprio con Tony Toscano di quattro mesi per fare un reality show di nudisti. Bebe chiama subito il padre, complice de “Le Iene”, per un consulto prima di affrontare il manager: “Il programma si chiama Nudi alla Meta, li rinchiudono per 4 mesi prima delle Olimpiadi e gli danno 50.000 euro, figa e fama”. Poi la campionessa piomba nella camera di Toscano che si fa trovare in compagnia di due ragazze seminude e della (finta) droga in cucina. Tony ci riprova, ma lei lo ferma: “Io non faccio programmi televisivi, non ho bisogno di fama” e cerca di salvare i suoi due amici. Per fortuna interviene la Iena Niccolò De Devitiis per tranquillizzarla. Bebe Vio farebbe di tutto per amicizia e ha dimostrato di avere un gran cuore.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: il tuo contributo è fondamentale

Il tuo sostegno ci aiuta a garantire la nostra indipendenza e ci permette di continuare a produrre un giornalismo online di qualità e aperto a tutti, senza paywall. Il tuo contributo è fondamentale per il nostro futuro.
Diventa anche tu Sostenitore

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Ken Loach tra rider e operai alla Cineteca di Bologna: “Il capitalismo è irriformabile, dobbiamo lottare per un sistema diverso”

next
Articolo Successivo

Lando Buzzanca sul piede di guerra: “I miei figli mi vogliono far passare per rimbambito. Invidiosi della vita con la mia fidanzata”

next