L’avvocato, Alberto Bianchi, ex presidente della Fondazione Open, indagato per finanziamento illecito e traffico di influenze, ha rinunciato al ricorso davanti al Tribunale del riesame di Firenze contro le perquisizioni e sequestri ordinati dai pm che indagano sulla ex cassaforte di Matteo Renzi. Ha schierato il parere di ben tre professori la difesa di Marco Carrai, imprenditore e amico dell’ex premier, indagato in quanto consigliere dell’ente finito nel mirino della Guardia di finanza. Nell’atto, discusso dagli avvocati Massimo Dinoia e Filippo Cei, viene contestata l’interpretazione degli inquirenti fiorentini, secondo i quali Open sarebbe stata un’articolazione di partito, ipotesi alla base dell’indagine per finanziamento illecito. Una ipotesi contestata – in più sedi – anche dal leader di Italia Viva.

La difesa Carrai ha depositato un parere pro veritate dell’ex presidente della Corte Costituzionale ed ex ministro della giustizia del governo Prodi, Giovanni Maria Flick. Nel ricorso figurano anche i pareri dei professori Giulio Ponzanelli e Domenico Pulitanò, docente di Istituzioni di diritto privato alla Cattolica di Milano il primo e di Diritto penale alla Bicocca il secondo. Anche alcuni imprenditori perquisiti, ma che non sono indagati, hanno impugnato i sequestri subiti. Il tribunale del Riesame si è riservato la decisione. Carrai, invece, risulta iscritto finanziamento illecito.

In udienza era presente solo il pubblico ministero Antonio Nastasi, che con il procuratore aggiunto Luca Turco è il titolare del fascicolo di indagine sulla Fondazione Open. Nastasi ha chiesto la conferma dei sequestri. Secondo la procura, dall’esame della documentazione sequestrata dalle Fiamme gialle il 18 e 19 settembre scorsi nello studio fiorentino di Bianchi emergerebbero “due profili fattuali di interesse“: la Fondazione Open avrebbe agito da “articolazione di partito politico” (alle primarie del Pd del 2012 che videro prevalere l’allora segretario Pierluigi Bersani su Matteo Renzi; sostenendo il ‘comitato per Matteo Renzi segretario” del Pd, eletto con le primarie dell’8 dicembre 2013; con le ricevute di versamento da “parlamentari”); “la Fondazione Open ha rimborsato spese a parlamentari ed ha messo a loro disposizione carte di credito e bancomat“.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Ruby ter, Ambra Battilana: “Berlusconi? All’inizio non l’avevo riconosciuto. Alcune ragazze cantavano l’inno di Forza Italia per adularlo”

next
Articolo Successivo

Riciclaggio, 5 condanne e una assoluzione per il caso del ristorante Assunta Madre di Roma

next