Domenico Stanganelli, latitante dal 2014 e destinatario di un mandato d’arresto europeo, è stato arrestato in Costa azzurra con l’accusa è di associazione di stampo mafioso, traffico di stupefacenti, riciclaggio, porto e detenzione abusiva di armi nell’ambito di un’indagine che ha colpito le cosche Molé di Gioia Tauro e Mancuso di Nicotera. Per arrestarlo è stato necessario l’intervento della Dia, della polizia giudiziaria di Marsiglia e di Nizza e la Brigata per le ricerche. “La cattura del latitante – come riferisce la Dia – è avvenuta a Vallauris, località della Costa Azzurra, nell’abitazione dei suoceri“. L’arresto è stato possibile grazie alla ‘Rete operativa antimafia – Onnet‘: un progetto sviluppato proprio dalla Dia che prevede di supportare le unità investigative degli Stati membri con agenti specializzati sul fenomeno e di migliorare contestualmente lo scambio d’informazioni utili alle indagini.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Ex Ilva, il giudice: “Dal 14 dicembre l’Altoforno 2 non può essere utilizzato”. Ricorso dei legali per avere altro tempo per la messa in sicurezza

next
Articolo Successivo

Open, le carte: “Nelle mail di Bianchi al governo Renzi le richieste di emendamenti graditi ai finanziatori della Fondazione”

next