Domenico Stanganelli, latitante dal 2014 e destinatario di un mandato d’arresto europeo, è stato arrestato in Costa azzurra con l’accusa è di associazione di stampo mafioso, traffico di stupefacenti, riciclaggio, porto e detenzione abusiva di armi nell’ambito di un’indagine che ha colpito le cosche Molé di Gioia Tauro e Mancuso di Nicotera. Per arrestarlo è stato necessario l’intervento della Dia, della polizia giudiziaria di Marsiglia e di Nizza e la Brigata per le ricerche. “La cattura del latitante – come riferisce la Dia – è avvenuta a Vallauris, località della Costa Azzurra, nell’abitazione dei suoceri“. L’arresto è stato possibile grazie alla ‘Rete operativa antimafia – Onnet‘: un progetto sviluppato proprio dalla Dia che prevede di supportare le unità investigative degli Stati membri con agenti specializzati sul fenomeno e di migliorare contestualmente lo scambio d’informazioni utili alle indagini.

Sostieni ilfattoquotidiano.it ABBIAMO DAVVERO BISOGNO
DEL TUO AIUTO.

Per noi gli unici padroni sono i lettori.
Ma chi ci segue deve contribuire perché noi, come tutti, non lavoriamo gratis. Diventa anche tu Sostenitore. CLICCA QUI
Grazie Peter Gomez

Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Ex Ilva, il giudice: “Dal 14 dicembre l’Altoforno 2 non può essere utilizzato”. Ricorso dei legali per avere altro tempo per la messa in sicurezza

next
Articolo Successivo

Open, le carte: “Nelle mail di Bianchi al governo Renzi le richieste di emendamenti graditi ai finanziatori della Fondazione”

next