“Con l’introduzione del nuovo GLA abbiamo completato il rinnovamento della nostra gamma di compatte”: così Britta Seeger, membro del Consiglio direttivo di Daimler AG e responsabile della Divisione Vendite di Mercedes-Benz, che tra l’altro all’inizo della sua carriera passò anche per la filiale italiana di Daimler, presenta l’ultima nata a Stoccarda: “La grande richiesta registrata dai nostri suv ci dimostra che qui abbiamo il modello giusto per tutti i nostri Clienti. Per venire incontro ai loro desideri, la gamma comprende anche GLB e GLA, due fuoristrada che si completano perfettamente: GLB è il rappresentante più funzionale e spazioso della nostra famiglia di compatte, mentre Nuovo GLA si posiziona come sport utility sportivo per i Clienti orientati al lifestyle”.

La nuova GLA è basata sulla piattaforma costruttiva MFA e le sue forme si fanno più pulite e morbide, plasmate all’insegna di quel minimalismo formale promosso dalla matita di Gorden Wagener, a capo del design della Stella. Nel passaggio generazionale, l’auto si è alzata di 10 centimetri a 161 complessivi, e con essa anche le sedute, più in alto di 4 cm rispetto alla Classe A, a tutto vantaggio dell’accessibilità: ne deriva una maggiore spaziosità interna, assicurata anche da un passo di 272 cm (+3 cm). Conservata, invece, la lunghezza totale, a quota 441 cm. Il bagagliaio ha una volumetria di 435 litri, 14 in più che sulla GLA uscente. All’interno, invece, l’impostazione è la medesima di Classe A, B e GLB, con lo schermo della strumentazione digitale che affianca quello dell’infotainment a controllo vocale.

Due le motorizzazioni benzina al lancio: il quattro cilindri 1.3 turbo da 163 Cv di potenza e 250 Nm di coppia motrice, con cambio automatico a sette marce e trazione anteriore. E il più prestante 2 litri turbo da 306 Cv e 400 Nm, abbinato all’automatico a otto marce e alle quattro ruote motrici: scatta sullo zero-cento in 5,1 secondi e allunga fino a una velocità massima (limitata elettronicamente) di 250 km/h. In seguito, saranno lanciate le versioni turbodiesel e ibrida plug-in. In opzione, poi, c’è il pacchetto Offroad, con specifica taratura della trasmissione integrale e funzionalità di assistenza nelle discese più scoscese.

Fra le dotazioni di sicurezza di serie o a pagamento spiccano la frenata automatica di emergenza con riconoscimento pedone, il sistema di mantenimento della propria corsia di marcia e il cruise control adattivo. La seconda generazione del crossover tedesco – che segue il lancio della GLB, maggiormente ispirata al mondo del fuoristrada – arriverà nelle concessionarie a primavera a prezzi ancora da definire: il modello attualmente a listino ha un prezzo d’attacco di 31 mila euro.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Nissan GT-R50 by Italdesign, la supercar giapponese parla anche italiano – FOTO

next
Articolo Successivo

Renault Clio, col pacchetto speciale guida (quasi) da sola – FOTO

next