Non si espone sul loro destino futuro, anzi, invita i partiti anon colonizzarle”. Ospite di Più libri più liberi Romano Prodi torna a rivendicare l’apporto dato al dibattito politico da parte delle “sardine“, che stanno riempiendo le piazze di tutta Italia contro Matteo Salvini e la Lega, in attesa dell’evento nazionale del prossimo 14 dicembre a Roma. “Mi piace il loro modo, il loro linguaggio”, ha continuato l’ex presidente del Consiglio, precisando come queste chiedano “alla politica di fare meglio, senza sciabolate né pugnalate”. E ancora: “Se si trasformeranno in partito? Non so, ma soprattutto dobbiamo lasciarle fare. Non possono e non devono essere colonizzati da nessuno“, ha concluso.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Sondaggi, partiti di governo poco sotto al 43. Il centrodestra va oltre il 49, ma l’unico partito ad aumentare consensi è Fratelli d’Italia

next
Articolo Successivo

M5s, l’audio di Dino Giarrusso che attacca Cancelleri nella riunione con i militanti: “Dovevate farvi sentire con Di Maio per sua nomina”

next