A Milano c’è la Tosca in aeroporto. E al museo, in piazza, al cinema, in carcere. La Prima della Scala, si sa, è per pochi fortunati, ma anche chi non ha un invito per la serata inaugurale della stagione lirica tra le più prestigiose del mondo può vedere la Tosca di Giacomo Puccini diretta dal maestro Riccardo Chailly grazie alla “Prima Diffusa”, che la trasmetterà in 38 luoghi di Milano. Chi abita altrove potrà seguirla attraverso la radio o la televisione, comodamente seduto in poltrona perché la Rai trasmette la serata inaugurale della Scala in diretta, insieme a interviste e approfondimenti. Piccola guida pratica per la serata del 7 dicembre.

Televisione
Anche quest’anno la Prima della Scala si potrà vedere comodamente dal salotto di casa, grazie alla diretta di Rai1, che accompagnerà lo spettatore alla scoperta della Tosca con approfondimenti e interviste. La produzione di Rai Cultura punta a ripetere il record di Madama Butterfly: il 13.48 % di share, un risultato mai visto per la lirica.

Radio
In macchina, sul treno, a casa: l’opera si può ascoltare in diretta sulle frequenze di Rai Radio 3 a partire dalle 17.30. In più, su RaiPlayRadio è consultabile una pagina speciale, “Aspettando Tosca”, che raccoglie le trasmissioni e i podcast dedicati al capolavoro di Puccini. Titoli da segnare per prepararsi alla gran serata: Wikimusic, Momus, ovviamente La Barcaccia.

Cinema e teatri
Chi abita a Milano potrà vedere la Tosca di Davide Livermore anche nei teatri e nei cinema grazie al progetto “Prima Diffusa”, promosso dal Comune di Milano e Edison insieme al Teatro alla Scala. Per esempio, si potrà vedere al Teatro Dal Verme, al Cine Teatro Delfino, al Pacta Dei Teatri, allo Spazio Teatro 89, al Teatro della Cooperativa e al Teatro Edi Barrio’s. Aprono le porte anche il Conservatorio Giuseppe Verdi (non se ne abbia a male Puccini) e la Casa degli Artisti. Alcuni di questi siti propongono la guida all’ascolto a partire dalle 16.30; in molti casi è necessaria la prenotazione. Tutte le informazioni sono disponibili qui.

Musei
La serata di Sant’Ambrogio si passa anche al museo: Tosca verrà trasmessa al Mudec, il Museo delle Culture, al MuBa, il Museo dei Bambini, al Mic, il Museo Interattivo del Cinema e al Mumac, il Museo Macchine Caffè. All’interno di WOW Spazio Fumetto saranno anche esposte tavole originali dedicate all’eroina pucciniana create dalle matite di Milo Manara, Simone Bianchi e Fabio Celoni.

Nel resto della città
Chi vuole sbirciare cosa succede nel foyer del Piermarini potrà seguire l’opera a pochi passi di distanza dal teatro, all’Ottagono nella Galleria Vittorio Emanuele II. Ma l’opera oltrepassa ogni barriera e arriva alla casa Emergency, alla casa dell’Accoglienza Enzo Jannacci, dentro all’Istituto penale per i minorenni Cesare Beccaria e dentro all’Ospedale Niguarda Ca’ Granda. L’opera sarà visibile in molti angoli della città: dal Palazzo Pirelli alla Spiazza Biblioteca Sociale e Caffè, dal passante ferroviario di Porta Vittoria al Pio Albergo Trivulzio. Anche chi è in partenza per un viaggio potrà vedere Tosca, dal terminal 1 dell’aeroporto di Malpensa: un ottimo modo per ingannare l’attesa al gate. La lista completa dei luoghi è disponibile sul sito della Prima Diffusa.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L'abbiamo deciso perchè siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un'informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore

MANI PULITE 25 ANNI DOPO

di Gianni Barbacetto ,Marco Travaglio ,Peter Gomez 12€ Acquista
Articolo Precedente

Pinocchio, nella prima versione il burattino veniva impiccato dal Gatto e la Volpe: 4 curiosità sulla celebre fiaba di Collodi

next
Articolo Successivo

E-book, cresce il mercato dei libri online. Ecco chi legge digitale

next