“Mi sento frastornato dall’eccessiva libertà”. Sono state le parole pronunciate da Marcello Dell’Utri nel suo primo giorno da uomo libero, dopo la fine degli arresti domiciliari, all’uscita dall’ufficio del suo avvocato Francesco Centonze, a Milano. L’ex braccio destro di Silvio Berlusconi ha risposto con un “no comment” alle domande sul processo sulla trattativa tra pezzi dello Stato e mafianel quale, in primo grado, ha subito una condanna a 12 anni di reclusione. “Possiamo dire che la mafia fa schifo?” gli hanno chiesto i giornalisti. “Questo lo dico io, non lei”. “E allora lo dica, lo dica”, lo hanno incalzato. “Fa schifo” ha replicato Dell’Utri. “Sì, ma cosa fa schifo?”. Il fondatore di Forza Italia, seduto in auto, ha chiuso la portiera. “Amuninni, picciotti”.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili

B.COME BASTA!

di Marco Travaglio 14€ Acquista
Articolo Precedente

Omicidio Luca Sacchi, Del Grosso: “Era la prima volta che prendevo un’arma in mano”. Difesa Princi: “Addolorato per morte amico”

next
Articolo Successivo

Reggio Calabria, picchiarono a morte un’anziana di 88 anni durante una rapina in casa: condannati tre ladri

next