“Mi sento frastornato dall’eccessiva libertà”. Sono state le parole pronunciate da Marcello Dell’Utri nel suo primo giorno da uomo libero, dopo la fine degli arresti domiciliari, all’uscita dall’ufficio del suo avvocato Francesco Centonze, a Milano. L’ex braccio destro di Silvio Berlusconi ha risposto con un “no comment” alle domande sul processo sulla trattativa tra pezzi dello Stato e mafianel quale, in primo grado, ha subito una condanna a 12 anni di reclusione. “Possiamo dire che la mafia fa schifo?” gli hanno chiesto i giornalisti. “Questo lo dico io, non lei”. “E allora lo dica, lo dica”, lo hanno incalzato. “Fa schifo” ha replicato Dell’Utri. “Sì, ma cosa fa schifo?”. Il fondatore di Forza Italia, seduto in auto, ha chiuso la portiera. “Amuninni, picciotti”.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: se credi nelle nostre battaglie, combatti con noi!

Sostenere ilfattoquotidiano.it vuol dire due cose: permetterci di continuare a pubblicare un giornale online ricco di notizie e approfondimenti, gratuito per tutti. Ma anche essere parte attiva di una comunità e fare la propria parte per portare avanti insieme le battaglie in cui crediamo con idee, testimonianze e partecipazione. Il tuo contributo è fondamentale. Sostieni ora

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Omicidio Luca Sacchi, Del Grosso: “Era la prima volta che prendevo un’arma in mano”. Difesa Princi: “Addolorato per morte amico”

next
Articolo Successivo

Reggio Calabria, picchiarono a morte un’anziana di 88 anni durante una rapina in casa: condannati tre ladri

next