È arrivata solo in tarda mattinata di ieri l’autorizzazione che ha permesso a oltre cento “Sardine in Belgio” di scendere in piazza ad Anversa per manifestare contro Matteo Salvini. Dopo il dibattito in Senato sul Mes, il leader della Lega è infatti partito per la Fiandre dove era atteso dagli alleati europei del Vlaams Belang, formazione separatista fiamminga di estrema destra. Nonostante l’autorizzazione last minute, gli attivisti anti-Lega e antifascisti sono riusciti a mettere in piedi un sit-in di un’ora, per ribadire i concetti chiave del movimento che ha già coinvolto migliaia di giovani in tutta Italia. “Solidarietà, accoglienza, rispetto, diritti, inclusione e antifascismo, o in una parola: Sardina”, hanno sottolineato gli organizzatori, che hanno poi ricordato alla piazza l’appuntamento di sabato 14 dicembre, quando verranno organizzati eventi in tutta Europa in concomitanza con la manifestazione nazionale che si terrà a Roma

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Governo, Salvini ad Anversa ospite dell’estrema destra: “In Italia abbiamo presidente del Consiglio servo dei poteri forti dell’Europa”

prev
Articolo Successivo

Fondazione Open, ormai la questione morale non esiste più

next