Esprime una riflessione esplicitamente politica il nuovo film di Alejandro Amenàbar, Mientras dure la guerra, in programma al 37° Torino Film Festival dopo aver partecipato a quelli di Toronto e San Sebastian. Il cineasta cileno ma da sempre residente in Spagna di cui è cittadino, ha deciso di rivisitare i prodromi del franchismo assumendo il punto di vista del grande intellettuale e scrittore Miguel de Unamuno (Karra Elejalde) nel 1936 all’apice della sua popolarità e rettore dell’università di Salamanca.

Davanti ai suoi occhi di uomo già anziano e riverito da chiunque come vate nazionale, scorrono i primi sentori di quella destinata a divenire la pagina peggiore della storia spagnola del ‘900, notoriamente durata ben oltre quel “mientras dure la guerra” che dà titolo al dramma. Una guerra civile, naturalmente, fra monarchici e i nazionalisti repubblicani capaci di fondare la cosiddetta “seconda repubblica di Spagna” (1931-36) sfociata, come la Storia ricorda, nella sanguinosa e ferrea dittatura di Francisco Franco durata fino al 1975.

Amenàbar sceglie il punto di vista della cultura per ripensare al passato spagnolo e per ricordarlo “ai molti che l’avranno dimenticato o non lo conoscono” ma anche per elevarlo a universale. I segnali preparatorii di abuso del potere sono descritti nella loro comune appartenenza ad ogni Nazione che si addentri in una forma di governo atta a deprivare ogni diritto e libertà. Per questo diventa interessante osservare la trasformazione del comportamento di un individuo “privilegiato” come Unamuno di fronte all’escalation di una brutalità di cui egli stesso non è in grado di offrire spiegazioni, essendo fuori da ogni logica della convivenza pacifica e civile fra esseri umani. “La sua storia – come sottolinea il cineasta premio Oscar – è più viva che mai. È come se fosse ancora qui, a dubitare delle domande essenziali che ci rappresentano”.

Inizialmente in accordo con i principi repubblicani, mano a mano che passa il tempo e la violenza esplode, l’anziano scrittore e filosofo implode nel proprio disaccordo, accrescendo intimamente una rabbia e un dolore che esplodono in una scena madre che vale tutto il film. Dramma storico di impostazione classica e formalmente funzionale alla comprensione dei fatti per un pubblico amplio, Mientras dure la guerra sembra fare pendant con il bellissimo Agora del 2009, incentrato sulla tragica figura della filosofa e scienziata greco-alessandrina Ipazia: per quanto ambientati in territori ed epoca diversi, entrambi i lavori sono infatti orientati ad evidenziare quanto realmente il sonno della ragione generi mostri. Se Mientras dure la guerra appare meno interessante dal punto di vista linguistico, la sua vicinanza storica al nostro tempo e soprattutto la similitudine ai contemporanei fenomeni populistici lo ammantano di valore quasi “emergenziale”, aprendolo a un necessario dialogo con il presente

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

The Irishman, il magistrale Scorsese mostra cosa significa il legame mafioso

prev
Articolo Successivo

‘Mi chiamo Altan e faccio vignette’ è il ritratto di un artista che non si lascia definire

next