Prosegue l’inchiesta sull’omicidio di Luca Sacchi, il 24enne colpito a morte il 23 ottobre scorso al quartiere Appio Latino di Roma in seguito a una rapina messa a segno dai 21enni romani Valerio Del Grosso e Paolo Pirino. Dopo l’iscrizione del registro degli indagati di Anastasia, la fidanzata della vittima, gli inquirenti le hanno sequestro il cellulare. Intenzione di chi indaga è analizzare i contatti che la ragazza ha avuto nelle ultime settimane, anche via chat, con l’obiettivo anche di risalire alla persona che ha fornito a lei e a Giovanni Princi,il pregiudicato amico di Luca finito in carcere, i 70 mila euro che sarebbero serviti all’acquisto di 15 chili di droga. I soldi erano nello zaino della ragazza. Risposte potrebbero arrivare dalla stessa Anastasia attesa all’interrogatorio di garanzia fissato per mercoledì prossimo davanti al gip Costantino De Robbio che ha firmato l’obbligo di firma nei suoi confronti, indagandola per il tentativo di acquisto della sostanza stupefacente.

L’atto istruttorio avverrà dopo che il giudice avrà ascoltato i soggetti ‘che hanno avuto un ruolo attivo’ nella vicenda e che sono stati raggiunti da ordinanza cautelare in carcere. Martedì, infatti, sono fissati gli interrogatori di Marcello De Propris, il 22enne accusato, tra l’altro, di concorso in omicidio per avere fornito ai killer la pistola utilizzata per uccidere Sacchi, Princi che secondo l’accusa avrebbe condotto la trattativa con i pusher. Come avevano messo insieme quei soldi Princi e Anastasia? Nella richiesta di misura cautelare i titolari dell’indagine affermano che al momento “non c’è certezza”, ipotizzando una sorta di colletta anche se sembrano convinti che provengano “da un finanziatore che li aveva assoldati”.

Una certezza è che Princi comunque “non è alla prima esperienza” in vicende di droga. Per gli inquirenti “è inserito stabilmente in contesti criminali, in passato aveva concluso altri acquisti – si legge nella richiesta della Procura – si da essere definibile cliente degli spacciatori indagati, preserva le sue relazioni criminali non offrendo alcun contributo alle indagini benché l’ucciso fosse un suo amico dai tempi del liceo”. Un comportamento “ambiguo” che lo accomuna alla stessa Anastasia che, a detta degli investigatori, non ha fornito, nelle ore successive al fatto, alcun tipo di aiuto alle indagini per accertare la verità. Per i pm lei e Princi “dimostrano, seppur con gradi diversi, di essere pienamente inseriti nel circuito della compravendita di stupefacenti”. Ma non solo. “È sorprendente – aggiunge il giudice – la sua chiusura ad ogni collaborazione con gli organi investigativi per assicurare alla giustizia gli autori del delitto del fidanzato” ed è “chiara, predominante, la volontà di preservare le relazione criminali acquisite nel mondo della droga con il quale non intende recidere i legami”. Per Anastasia però è arrivato il tempo di raccontare cosa sia successo quella sera e anche poco prima di quelle ore che hanno per sempre segnato la sua vita e quella della famiglia del suo giovane fidanzato.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Genova, fermato il presunto ‘reclutatore’ dei neonazi italiani: è stato legionario, ‘ndranghetista e collaboratore di giustizia

prev
Articolo Successivo

Prescrizione, i magistrati: “Sì convinto a stop dopo primo grado con riforma strutturale” e sul Csm: “Non sia comitato di carriere”

next