Anastasia, la fidanzata di Luca Sacchi, “probabilmente” nasconde qualcosa “visti i suoi comportamenti“. Ma gli stessi dubbi valgono anche per l’amico Giovanni Princi che “avrebbe dovuto pensare a Luca e non a spostare una macchina“. Un mese dopo l’omicidio di suo figlio, il padre Alfonso in un’intervista al Messaggero racconta le domande che ancora si pone su quali siano i contorni di quanto accaduto la sera del 23 ottobre scorso davanti al John Cabot Pub di Roma: una rapina finita male, secondo chi indaga, con sullo sfondo una presunta trattativa per l’acquisto di droga.

Luca Sacchi è stato ucciso da un colpo di pistola alla nuca. Il ragazzo accusato di aver premuto il grilletto, Valerio Del Grosso, è in carcere. Così come il suo presunto complice Paolo Pirino: entrambi sono accusati di omicidio. Secondo chi indaga, è Pirino che ha aggredito Luca e la sua fidanzata, Anastasia Kylemnyk, con una mazza da baseball per rubare il contenuto dello zaino di lei. I pm cercano di fare luce sulla vicenda della marijuana, che vede attenzionati appunto la ragazza e l’amico d’infanzia, Giovanni Princi. I due ragazzi non sono indagati e i pm vorrebbero riascoltarli come persone informate sui fatti. A tirarli in ballo sono stati i due intermediari Simone Piromalli e Valerio Rispoli, secondo i quali Princi avrebbe trattato con i pusher di San Basilio la consegna affidata a Del Grosso e Pirino, mentre Anastasia nel suo zaino teneva il contante “in due mazzette da 20 e 50 euro”.

“Ci sono troppi lati oscuri“, afferma il padre Alfonso Sacchi al Messaggero. Nessuna accusa nei confronti di Anastasia e di Giovanni Princi, ma una richiesta di spiegazioni. Anastasia sta nascondendo qualcosa? “Probabilmente sì – risponde il padre del ragazzo ucciso – visti i suoi comportamenti”. Alfonso sacchi vorrebbe sapere “cosa è successo”. Da lei e da Princi: “Penso che un amico si sarebbe comportato diversamente. L’amicizia è un’altra cosa”, commenta. Il riferimento è alle mosse dell’ex compagno di scuola subito dopo lo sparo: “Probabilmente doveva nascondere qualcosa, è l’unica spiegazione. Anche perché in quel contesto avrebbe dovuto pensare a Luca e non a spostare una macchina“. Quella di Anastasia.

Il Fatto di Domani - Ogni sera il punto della giornata con le notizie più importanti pubblicate sul Fatto.

ISCRIVITI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Cadavere di un anziano trovato in un sacco a Trieste: la convivente confessa al telefono, è indagata per omicidio

next
Articolo Successivo

Rieti: si procura taniche di benzina, dà fuoco al marito e lo uccide. Moglie gravemente ustionata

next