Anastasia, la fidanzata di Luca Sacchi, “probabilmente” nasconde qualcosa “visti i suoi comportamenti“. Ma gli stessi dubbi valgono anche per l’amico Giovanni Princi che “avrebbe dovuto pensare a Luca e non a spostare una macchina“. Un mese dopo l’omicidio di suo figlio, il padre Alfonso in un’intervista al Messaggero racconta le domande che ancora si pone su quali siano i contorni di quanto accaduto la sera del 23 ottobre scorso davanti al John Cabot Pub di Roma: una rapina finita male, secondo chi indaga, con sullo sfondo una presunta trattativa per l’acquisto di droga.

Luca Sacchi è stato ucciso da un colpo di pistola alla nuca. Il ragazzo accusato di aver premuto il grilletto, Valerio Del Grosso, è in carcere. Così come il suo presunto complice Paolo Pirino: entrambi sono accusati di omicidio. Secondo chi indaga, è Pirino che ha aggredito Luca e la sua fidanzata, Anastasia Kylemnyk, con una mazza da baseball per rubare il contenuto dello zaino di lei. I pm cercano di fare luce sulla vicenda della marijuana, che vede attenzionati appunto la ragazza e l’amico d’infanzia, Giovanni Princi. I due ragazzi non sono indagati e i pm vorrebbero riascoltarli come persone informate sui fatti. A tirarli in ballo sono stati i due intermediari Simone Piromalli e Valerio Rispoli, secondo i quali Princi avrebbe trattato con i pusher di San Basilio la consegna affidata a Del Grosso e Pirino, mentre Anastasia nel suo zaino teneva il contante “in due mazzette da 20 e 50 euro”.

“Ci sono troppi lati oscuri“, afferma il padre Alfonso Sacchi al Messaggero. Nessuna accusa nei confronti di Anastasia e di Giovanni Princi, ma una richiesta di spiegazioni. Anastasia sta nascondendo qualcosa? “Probabilmente sì – risponde il padre del ragazzo ucciso – visti i suoi comportamenti”. Alfonso sacchi vorrebbe sapere “cosa è successo”. Da lei e da Princi: “Penso che un amico si sarebbe comportato diversamente. L’amicizia è un’altra cosa”, commenta. Il riferimento è alle mosse dell’ex compagno di scuola subito dopo lo sparo: “Probabilmente doveva nascondere qualcosa, è l’unica spiegazione. Anche perché in quel contesto avrebbe dovuto pensare a Luca e non a spostare una macchina“. Quella di Anastasia.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te

In questi tempi difficili e straordinari, è fondamentale garantire un'informazione di qualità. Per noi de ilfattoquotidiano.it gli unici padroni sono i lettori. A differenza di altri, vogliamo offrire un giornalismo aperto a tutti, senza paywall. Il tuo contributo è fondamentale per permetterci di farlo. Diventa anche tu Sostenitore

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili