Chi sabato sera si è avvicinato a uno dei due totem informativi di Santa Margherita Ligure, invece dei suggerimenti turistici relativi alla nota località in provincia di Genova si è trovato davanti dei video porno. Un’anomalia che è diventata presto un caso, grazie al passaparola cittadino, e che ha costretto il Comune a provvedere a oscurare i due dispositivi, denunciando il fatto ai Carabinieri che, adesso, stanno indagando per individuare i responsabili.

L’amministrazione comunale, in una nota, comunica che “è stata contattata la ditta proprietaria e gestore dei dispositivi sollecitando urgentemente un intervento affinché non si ripetano più situazioni del genere”.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: se credi nelle nostre battaglie, combatti con noi!

Sostenere ilfattoquotidiano.it vuol dire due cose: permetterci di continuare a pubblicare un giornale online ricco di notizie e approfondimenti, gratuito per tutti. Ma anche essere parte attiva di una comunità e fare la propria parte per portare avanti insieme le battaglie in cui crediamo con idee, testimonianze e partecipazione. Il tuo contributo è fondamentale. Sostieni ora

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Woody Allen e Roman Polanski, la lettera scarlatta di Hollywood: i loro ultimi film banditi negli Usa

next
Articolo Successivo

Benji & Fede, dai “due lutti affrontati” all’amore: “Siamo fidanzatissimi”. Poi la rivelazione sulla relazione con l’attrice Bella Thorne

next