Un bambino di due anni è morto colpito da una scultura di ghiaccio posta come attrazione di un mercatino di Natale. È successo intorno alle 20 di domenica 24 novembre in Lussemburgo: secondo le prime ricostruzioni, la scultura di ghiaccio si è spaccata ed è caduta, colpendo il bambino. Inutili i soccorsi immediati: il piccolo è morto in ambulanza, come ha riferito la polizia. La procura ha aperto un’inchiesta per omicidio involontario, secondo fonti giudiziarie, lanciando anche un appello a eventuali testimoni: il realizzatore dell’opera, Samuel Girault, ha detto infatti agli inquirenti che “la scultura non poteva cadere da sola“, anche perché aveva una base di “almeno 2 tonnellate“.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

“Addio piccolo Cooper”: cane viene schiacciato da un pacco consegnato dal corriere, i proprietari costretti a sopprimerlo

next
Articolo Successivo

Trova un gattino per strada e lo adotta: dopo due mesi va dal veterinario e scopre che è un puma

next