“Inizialmente la plastic tax era prevista al primo gennaio.Ho chiesto esplicitamente che fosse traslata almeno di sei mesi e visto che comunque incide probabilmente in modo troppo rapido sul nostro sistema produttivo la rimoduliamo per allungarla nel tempo e limitarne l’introduzione nel primo periodo ad alcuni specifici prodotti che sono fortemente impattanti sull’ambiente e che riguardano per esempio le plastiche non riciclabili”. A dirlo il ministro allo Sviluppo economico, Stefano Patuanelli, in commissione Industria al Senato. Che precisa: “Ma la direzione intrapresa è questa. Non possiamo accogliere Greta Thunberg e condannare l’isola di plastica nell’Oceano Pacifico e allo stesso tempo lamentarci della plastic tax”.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

A New York arrivano le ‘sardine atlantiche’. E anche nella Grande Mela qualcosa è cambiato

next
Articolo Successivo

Fondazione Open, Di Maio: “Commissione sui fondi ai partiti nel contratto di governo”. Iv: “Disponibili, ma vogliamo sapere tutto di tutti”

next