Nonostante l’ammonimento della Curia pistoiese dei giorni scorsi, don Massimo Biancalani, il parroco di Vicofaro (in provincia di Pistoia) da anni impegnato nell’accoglienza ai migranti, come aveva annunciato, ieri ha invitato a cantare ‘Bella ciao’ al termine della messa domenicale, nella chiesa di Vicofaro. Nella sua pagina facebook, lo scorso giovedì, il sacerdote aveva pubblicato il post “anche Vicofaro non si lega. Nessun dialogo con chi fomenta odio”. La diocesi aveva subito risposto con una nota stampa, ricordando che in chiesa si devono eseguire solo canti appropriati.

“Non c’è proprio nulla da fare don Biancalani, parroco di Vicofaro, non riesce a stare lontano da telecamere e taccuini dei giornalisti e nonostante l’aperto dissenso della diocesi, al termine della messa domenicale ha invitato lo sparuto gruppo di fedeli presenti ad intonare ‘Bella Ciao'” hanno commentato in una nota, Sonia Pira e Roberto Rettore, rispettivamente commissario provinciale e comunale della Lega di Pistoia. “Sinceramente – proseguono gli esponenti leghisti – tacciateci pure di essere troppo tradizionalisti, ma in chiesa noi preferiamo che echeggino i classici canti liturgici e non canzoni che, a nostro avviso, nulla hanno a che vedere con la religione”

Sostieni ilfattoquotidiano.it: se credi nelle nostre battaglie, combatti con noi!

Sostenere ilfattoquotidiano.it vuol dire due cose: permetterci di continuare a pubblicare un giornale online ricco di notizie e approfondimenti, gratuito per tutti. Ma anche essere parte attiva di una comunità e fare la propria parte per portare avanti insieme le battaglie in cui crediamo con idee, testimonianze e partecipazione. Il tuo contributo è fondamentale. Sostieni ora

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Regionali Calabria, De Masi insiste: “M5s e Pd, basta veti incrociati per il bene della gente. E cerco di convincere Callipo: è una risorsa”

next
Articolo Successivo

Rimini, 7mila Sardine rispondono alla piazza di Salvini: sfida sulle note di “Romagna mia”. Il videoracconto

next